Istat: buste paghe mai cosi' basse dal 1982, ma gli italiani sono fiduciosi

ROMA – L’Istat protagonista ieri della diffusione di due notizie contrastanti. Prima la brutta notizia e poi una sorta di notizia flash, per darci un poco di zucchero per mandare giu’ la pillola”, come recita la famosa canzone di Mary Poppins. Andiamo con ordine.

Nel pomeriggio la notizia con la quale si fice che le buste paga degli italiani restano basse e che mai sono state cosi’ male dal 1892. Secondo l’istituto di ricerca c’e’ stato un incremento dell’1,3%, per il settore privato, il più basso dal 1982. Mentre per il settore pubblico la variazione e’ stata praticamente nulla. Quindi gli stipendi degli italiani sono troppo bassi e non e’ solamente una situazione percepita, in quanto la conferma e’ arrivata direttamente dall’istituto nazionale di statistica che ha calcolato che le retribuzioni contrattuali orarie nella media del 2014 sono salite solo dell’1,3%.

Tra i vari dati diffusi vi e’ quello con cui ci viene detto che i prezzi sono saliti meno delle retribuzioni. Un +0,2% nel 2014 con il quale gli italiani dovrebbero ricevere ripercussioni positive sul potere d’acquisto. Peccato che la crisi economica dura da ben oltre 10 anni.

Alcune ore piu’ tardi quello che vogliono farci credere essere lo zucchero per la pillola. “Gli italiani sono più fiduciosi sul proprio futuro personale e sulle prospettive economiche”. Sono le parole con cui il Mef, il ministero Economia e Finanze, ha commentando i dati Istat della giornata. Per le imprese “aumenta il clima di fiducia nei settori dei servizi alle imprese delle costruzioni; sostanziale stabilità nel settore manifatturiero; visibile il calo nel commercio al dettaglio”. Secondo il ministero e quindi il Governo Renzi, ci sarebbe un clima di fiducia diffusa per un futuro migliore con più reddito per le famiglie, meno tasse e riforme strutturali del governo.

Ricordiamo che sempre l’Istat aveva detto recentemente che nel quarto trimestre 2014 la deflazione ha colpito le famiglie più povere.

A fondo articolo lo spazio e’ aperto per i commenti dei cittadini.