Latte materno delle donne vaccinate? Usato come trattamento contro il COVID-19?

Il latte materno delle donne vaccinate potrebbe essere usato come trattamento contro il Covid-19, secondo uno studio pubblicato questo lunedì sul quotidiano britannico The Guardian. Secondo lo studio, le donne che allattano al seno che sono state infettate da COVID-19 continuano a secernere anticorpi neutralizzanti contro il virus fino a 10 mesi.

Oltre ad aiutare a proteggere i bambini, i ricercatori ritengono che tali anticorpi potrebbero essere utilizzati per curare persone in gravi condizioni con malattie respiratorie.

Rebecca Powell, direttore di un ospedale di New York e che ha guidato il ricerca:

“Sapere se ci sono anticorpi nel latte, per quanto tempo saranno protettivi o quale vaccino darà al tuo bambino la migliore protezione è un’informazione molto importante e molto rilevante”.

Gli anticorpi presenti nel latte materno sono in qualche modo diversi dagli anticorpi nel sangue e vengono attivati ​​dalla vaccinazione, l’anticorpo principale è l’immunoglobulina secretoria A (IgA), che si attacca al rivestimento delle vie respiratorie e intestinali dei bambini, che aiuta a bloccare l’ingresso di virus e batteri nei loro corpi.

Per la ricerca, sono stati prelevati campioni di latte materno da 75 donne guarite dal COVID-19, scoprendo che l’88% conteneva anticorpi IgA, essendo nella maggior parte dei casi in grado di bloccare l’infezione. Inoltre, come parte dello studio è stato rivelato che le donne hanno continuato a secernere questi anticorpi fino a 10 mesi.

“Questa scoperta potrebbe essere una terapia straordinaria, perché l’IgA secretoria è destinata a trovarsi in queste aree della mucosa, come il rivestimento del tratto respiratorio, e sopravvive e funziona molto bene

lì”.

E ha aggiunto:

“Si potrebbe immaginare che se fosse usato in un trattamento tipo nebulizzatore, potrebbe essere molto efficace durante quel periodo in cui la persona si è ammalata abbastanza”.

Sono state studiate per questo studio le donne vaccinate con le iniezioni Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson.

Tutti coloro che hanno ricevuto Moderna e l’87% di coloro che hanno ricevuto Pfizer avevano anticorpi IgG specifici per il coronavirus nel latte, mentre il 71% e il 51%, rispettivamente, avevano anticorpi IgA specifici per il virus.

La ricercatrice ha spiegato che l’effetto del latte dipende davvero dall’avere una grande quantità di anticorpi nel sangue che vengono trasferiti al latte. Adesso il team sta lavorando per studiare le risposte nel latte materno al vaccino AstraZeneca.