La maledizione del Real Madrid senza Cristiano Ronaldo

Puoi anche non crederlo… ma erano un matrimonio perfetto. Insieme, Cristiano Ronaldo e Real Madrid hanno vinto quattro Champions League tra il 2014 e il 2018. In quegli anni hanno dominato il continente europeo, fino a quando CR7 ha deciso di andare alla Juventus in cerca di nuove sfide. E da quel momento, la “Orejona” è passato per mani diverse, schivando però entrambi. Questo mercoledì, la Merengue è rimasta alla porta di una nuova finale, con la sconfitta per 2-0 contro il Chelsea a Londra. Successivamente passeremo in rassegna cosa è successo negli anni precedenti senza Cristiano.

Champions League 2019

Nella prima stagione (18-19) senza CR7, la squadra guidata da Santiago Solari aveva battuto l’Ajax per 2-1 all’andata degli ottavi. Quella guidata da Ten Hag ha però dato il colpo grosso al Bernabéu, battendo il Real, tre volte campione, per 4-1. La formazione olandese andò in semifinale.

Champions League 2020

Già nel 2020, in una competizione interrotta dal coronavirus, il Real di Zidane aveva perso 2-1 contro il City di Guardiola in Spagna agli ottavi di finale. Nella rivincita, giocata cinque mesi e mezzo dopo (ad agosto), gli inglesi vinsero ancora 2-1 e raggiunsero i quarti di finale, dove poi vennero eliminati.

Champions League 2021

Il Real Madrid è arrivato in semifinale contro ogni previsione (per come aveva giocato e per il numero di infortuni), eliminando Atalanta e Liverpool. Ma il Chelsea ha messo fine al suo sogno di raggiungere la 14a Champions League.

Il cammino di Ronaldo nella Juventus in Champions League

Nella sua prima stagione (18-19) alla Vecchia Signora, Ronaldo e gli altri sono stati vittime del buon Ajax nei quarti di finale: 1-1 nell’andata giocata in Olanda e 2-1 a Torino. Prime delusioni per un CR7 Cristiano Ronaldo che arrivava da un rapporto molto intimo con l’Orejona (quattro trofei vinti con il Real Madrid e uno con il Manchester United).

Il cammino di Ronaldo nella Juventus in Champions League

Un anno dopo, in particolare a causa del Covid-19, il Lione si travestì da carnefice di Cristiano e bianconeri. 1-0 per i francesi in casa, a febbraio 2020. Mesi dopo, nella rivincita, la Juve non lo raggiunge nonostante il 2-1 casalingo per il gol in trasferta del Lione. Un’altra frustrazione per un vincitore nato come il portoghese.

Infine, in questa stagione (da dimenticare per la Juve, fuori anche dalla lotta per lo Scudetto vinto recentemente dall’Inter), Cristiano e la Juve non hanno potuto battere il Porto agli ottavi: 2-1 per i lusitani all’andata e 3-2 per i Bianconeri a Torino, ma fuori per il gol ospite della squadra dell’argentino Marchesín. CR7 ha salutato il trofeo per la terza volta consecutiva.

Il futuro di Cristiano Ronaldo

Il futuro di Cristiano Ronaldo, il cui contratto alla Juventus scadrà nel 2022, è adesso incerto… Sono emerse voci sul Manchester United e, per quanto riguarda il Real Madrid, il presidente Florentino Pérez lo ha escluso settimane fa. Sono finiti gli anni felici di entrambi quando alzavano al cielo la Coppa nel Vecchio Continente. Oggi non la dominano più.