Scienziati: Contatto Extraterrestre imminente

  • Il ricercatore dell’Università di Melbourne, Cathal D O’Connell, ha assicurato che la scoperta della vita e il suo successivo contatto extraterrestre sono inevitabili e imminenti.

O’Connell ha affermato che le scoperte degli ultimi decenni hanno reso l’esistenza extraterrestre una possibilità molto realistica. Inoltre, è convinto che il contatto sia un dato di fatto.

Contatto extraterrestre imminente

“La vita extraterrestre è ormai oggetto di discussione seria, un fattore di rischio, uno scenario reale. Perché, a seguito di una serie di importanti scoperte negli ultimi due decenni, l’idea di vita extraterrestre non è così inverosimile come una volta. La scoperta ora sembra inevitabile e forse imminente”.

Nel suo scritto, il ricercatore ha rivelato che gli astronomi hanno catalogato migliaia di pianeti che orbitano attorno a varie stelle. È interessante notare che molti hanno la loro posizione nella zona abitabile dove le temperature sono ideali per l’esistenza dell’acqua. Crede persino che potrebbe esserci un pianeta simile alla Terra in orbita attorno a Proxima Centauri, la stella più vicina al nostro Sistema Solare.

O’Connell rivela che la vita è in grado di sopravvivere in ambienti inospitali per l’uomo. Per questo ritiene che la vita si possa trovare in un lago di acido solforico, all’interno di barili di scorie nucleari, in acqua surriscaldata a 122 gradi Celsius e persino in Antartide. Inoltre, aggiunge che un tempo Marte era un luogo ideale per la vita. Crede che la presenza di metano nella sua atmosfera sia la prova che la vita aliena esisteva lì.

Ovviamente, questo ci avvicina alla teoria secondo cui Marte non solo ha avuto vita, ma potrebbe adattarsi per sopravvivere nel clima causato da qualche disastro nucleare.

La vita su Marte?

“Oggi, Marte ha ancora acqua liquida sottoterra. Un gas fortemente associato alla vita sulla Terra, il metano, è già stato trovato nell’atmosfera marziana, e a livelli che misteriosamente salgono e scendono con le stagioni. Gli insetti marziani potrebbero apparire il prima possibile”.

Queste parole sono le più vicine a una situazione in cui non vogliamo menzionare. Inoltre, potrebbero volero tenere nascosto: potrebbe esserci vita su Marte come sulla Terra. Per un rinomato scienziato affermare che siamo alle porte del contatto extraterrestre è incredibile. Inoltre, lo afferma con una sorprendente enfaticità.

Ecco perché molti esperti, da anni, credono che la comunità scientifica non abbia più modo di nasconderlo. La vita al di fuori della Terra esiste e stiamo per contattarla. Ovviamente, gli scettici suggeriscono anche che le dichiarazioni di O’Connell non sono altro che speculazioni. Il problema è che non è l’unico scienziato a rivendicarlo.

Avi Loeb, ex direttore del dipartimento di astronomia di Harvard, oltre ad essere uno dei responsabili del progetto Breakthrough Listen, ha anche rilasciato dichiarazioni secondo cui le navi extraterrestri si muovono tra di noi. Compresa una vicino a Giove. Quindi c’è una guerra silenziosa per screditare questi scienziati? O al contrario, la comunità scientifica ha già assunto il fatto che è impossibile nasconderlo? Sembra a tutti gli effetti che sia ormai imminente il contatto extraterrestre.