2658bbb2e9132889e387b80c97786837

Il Grande Filtro di fronte all’umanità potrebbe essere il motivo per cui non siamo ancora stati contattati dagli alieni. L’Universo è così vasto che fino ad oggi non siamo stati in grado di stimare il numero di galassie che lo abitano. Solo nella nostra casa, che chiamiamo Via Lattea, ci sono almeno 100 miliardi di stelle simili al nostro Sole e ovviamente, se ha un raggio di 52 miliardi di anni luce. Eppure la nostra esistenza in questo cosmo sembra così solitaria che in più di un’occasione gli astronomi si sono chiesti perché non abbiamo ancora trovato altre forme di vita intelligente.

Perché non abbiamo trovato la vita intelligente?

Nel 1950 il fisico italiano Enrico Fermi si mise in dubbio la stessa cosa e durante un colloquio con i suoi colleghi emerse quello che in seguito chiameremmo il Paradosso di Fermi, che si riferisce alla disparità tra le stime ad alta probabilità dell’esistenza di intelligenze extraterrestri e l’apparente mancanza di evidenza.

J6CzDF4

Fermi ha messo in chiaro ciò su cui molti si erano già interrogati: la mancanza di dati per garantire che la vita esista su altri pianeti, poiché se così fosse e considerando la vastità dell’Universo, la vita aliena avrebbe già preso contatto con gli umani. Ma come suggerisce il nome, questo paradosso semplicemente non ha una risposta definitiva.

Ci sono diverse possibili risposte al paradosso di Fermi, una di queste è la teoria della Foresta Oscura postulata da Liu Cixin, e c’è persino un’equazione che stima il numero di civiltà intelligenti esistenti nella Via Lattea, formulata dal radioastronomo Frank Drake chiamata Equazione di Drake. Ma con un colpo di scena inaspettato, un nuovo articolo pubblicato dai ricercatori della NASA introduce un termine chiamato Grande Filtro che era già stato usato dall’economista Robin Hanson e che, secondo loro, sarebbe il motivo per cui non siamo ancora stati contattati da un civiltà intelligente.

Cl6NTLV

Cos’è il Grande Filtro?

L’economista Robin Hanson ha proposto per la prima volta il Grande Filtro alla fine degli anni 90. Presuppone che anche se la vita stessa fosse vasta quanto la galassia, ogni civiltà intelligente deve affrontare i propri ostacoli. Queste sfide o barriere che costituiscono il Grande Filtro potrebbero provenire dall’esterno, come la collisione di un asteroide che pone fine alla vita. O, dal suo interno, come una guerra nucleare tra le civiltà del pianeta.

g1ncBqT

Gli autori del nuovo articolo portano l’idea di Hanson molto oltre e propongono soluzioni per il nostro filtro, ovvero il motivo per cui gli esseri umani non sono stati in grado di trovare la vita al di fuori della Terra:

“Riteniamo che un disastro esistenziale possa incombere mentre la nostra società si muove in modo esponenziale verso l’esplorazione dello spazio, agendo come il Grande Filtro: un fenomeno che spazza via le civiltà prima che possano incontrarsi.

In questo articolo, proponiamo diversi scenari possibili, compresi i pericoli antropogenici e naturali, che possono essere prevenuti con riforme nei comportamenti individuali, istituzionali e intrinseci”.

L’umanità sta affrontando il Grande Filtro in questo momento

Gli autori hanno descritto il nostro filtro causato internamente in modi diversi. Le calamità più importanti prese come candidate per porre fine alla vita umana sono le guerre nucleari, la sovrappopolazione, gli agenti patogeni e le pandemie, nonché una ribellione dell’intelligenza artificiale, ma soprattutto il cambiamento climatico. Mentre tra i fattori esterni ci sono gli impatti di meteoriti o asteroidi.

Spiegano anche che siamo già sopravvissuti ad alcuni di questi filtri, poiché finora ci sono state cinque estinzioni di massa che hanno quasi posto fine alla vita sulla Terra. La vita però va avanti ma per ora non abbiamo i mezzi tecnologici per spingerci molto oltre la nostra Luna.

il grande filtro perche gli alieni non sono stati contattati

Le soluzioni sono ovviamente nelle nostre mani:

…un necessario periodo di introspezione, seguito da opportuni perfezionamenti per affrontare adeguatamente la nostra situazione e affrontare le sfide e i metodi in cui possiamo mitigare il rischio per l’umanità e le quasi 9 milioni di altre specie sulla Terra.

Ma più indaghiamo sull’argomento, sembra che il percorso indichi non uscire, ma entrare. Contraddittoriamente, “la storia ha dimostrato che la competizione all’interno della specie e, cosa più importante, la collaborazione, ci ha portato alle più alte vette dell’invenzione“. Eppure, “prolunghiamo nozioni che sembrano essere l’antitesi di una crescita sostenibile a lungo termine. Razzismo, genocidio, disuguaglianza, sabotaggio e l’elenco potrebbe continuare“.

Carl Sagan ne aveva già parlato e ha persino un postulato su come il contatto con civiltà intelligenti cambierebbe l’umanità e come ha detto, sembra più che “nel senso più profondo, la ricerca dell’intelligenza extraterrestre è una ricerca di noi stessi“.

Riferimenti: Avoiding the “Great Filter”: Extraterrestrial Life and Humanity’s Future in the Universe , Jonathan H. Jiang1[File PDF]