Le prove dell’esistenza di vita extraterrestre, sono da sempre al centro della vita umana. Quasi 2500 anni fa, il filosofo greco Metrodoro de Chíos scrisse: “Non è naturale in un grande campo avere un solo albero di grano e nell’universo infinito solo un mondo vivente”. E da allora, in un modo o nell’altro, la credenza nella vita oltre la Terra è durata nel tempo.

Nella prima conferenza sulla Comunicazione dell’Intelligenza Extraterrestre, organizzata da Carl Sagan nel 1971, fu discussa la possibilità che esistessero civiltà prima delle nostre in altre parti della galassia e che con la nostra tecnologia il loro rilevamento sarebbe già possibile. Le ricerche radio che Sagan ha difeso per trovare queste civiltà avanzate hanno già scannerizzato quasi 1000 stelle. Tuttavia, non hanno trovato tracce significative di vita intelligente, o almeno questo è ciò che ci dicono.

Ricordiamo che negli ultimi anni gli astronomi hanno rilevato un gran numero di lampo radio veloce (FRB), misteriosi impulsi ad alta energia che durano per una frazione di secondo e hanno un’origine sconosciuta a miliardi di anni luce da distanza.

Anche di recente gli astronomi hanno identificato il primo modello stabilito di un FRB che scoppiò a 500 milioni di anni luce di distanza. Emetteva un segnale per alcuni millisecondi una volta all’ora, ogni ora per quattro giorni. Rimane quindi in silenzio per 12 giorni prima di riprendere il suo ciclo di 16 giorni.

Questa è stata la prima volta che gli astronomi hanno rilevato un modello FRB, ma continuano senza spiegazioni. Ma forse ora abbiamo le prove definitive dell’esistenza di una vita extraterrestre intelligente su altri mondi. Hanno scoperto quelle che sembrano essere le rovine di un edificio su Marte.

Rovine su Marte

Scott C Waring, il famoso ricercatore indipendente, ha affermato di aver scoperto prove della vita antica su Marte. Il ricercatore UFO è giunto a questa conclusione dopo aver rilevato strutture simili a edifici su immagini della NASA. Diversi esperti ritengono che il Pianeta Rosso avesse le giuste condizioni per ospitare la vita, aveva persino un sistema fluviale.

Antiche rovine su Marte - Antiche rovine di un edificio scoperto su Marte.

Waring afferma che la sua nuova scoperta sta confermando questo fatto e sostiene che la vita extraterrestre prosperò su Marte. Inoltre, aggiunge che queste creature erano più piccole degli umani, ma avevano un’anatomia simile alla nostra.

“Stavo guardando alcune foto di Marte quando ne ho incontrato una con pareti perfettamente spesse”, scrive Waring sul suo blog ET Data Base. “Le pareti sembrano essere le rovine di una piccola specie intelligente che una volta viveva al loro interno. Circa 10 anni fa, ho scoperto la figura della donna su Marte ed era solo 15 cm. Penso che la stessa minuscola specie umana abbia costruito queste strutture per vivere all’interno”.

Waring aggiunge che le strutture non sono naturali, poiché le pareti di questi presunti edifici sono uniformi.

“Guarda lo spessore uniforme di tutte le pareti”, aggiunge Waring. “Questo è impossibile in natura, ma sono chiaramente create deliberatamente. Questa è la prova del 100% che una specie intelligente, sebbene piccola, un tempo viveva e prosperava su Marte”.

Presenza di alieni su Marte

Ancora una volta ci troviamo di fronte a nuove prove che molto probabilmente sono esistiti, o addirittura esistono tutt’oggi, alieni su Marte. Siamo anche sicuri che sarà screditato dai più scettici. Che si tratti di un test o meno, ciò che è chiaro è che sempre più scienziati sono convinti che esista una vita extraterrestre intelligente, anche nel nostro sistema solare.

Come illustrato in un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica The Astrophysical Journal e rilanciato da 3BOX.it, gli scienziati hanno rivelato che potrebbero esserci 36 civiltà aliene intelligenti comunicanti attive nella nostra galassia locale su pianeti simili alla Terra.

Antiche rovine di un edificio su Marte - Scoperte antiche rovine di un edificio su Marte.

Quindi, sulla base di questo studio, è molto probabile che alcune di queste civiltà abbiano già prove della nostra esistenza, anche se non sappiamo se hanno tentato di comunicare con noi. Forse questo spiega il gran numero di lampo radio veloce (FRB) che stiamo ricevendo negli ultimi anni, comunicazioni dirette ma che non possiamo decifrare. Quello che non capiamo ancora è come la NASA non indaga su tutte queste anomalie nelle immagini, la controversia finirà rapidamente o forse la nostra percezione dell’universo cambierebbe.