Profezia Terremoti: Ricercatori lanciano Allarme per Terremoto Apocalittico il 21 dicembre 2018.

Il violento terremoto di magnitudo M7,6 dell’altro giorno vicino Nuova Caledonia nell’Oceano Pacifico potrebbe essere un avvertimento su un possibile e prossima catastrofe. L’aumento dei terremoti nel mondo intero è un fatto palpabile e visibile. Ma cosa succederebbe se un mega terremoto o cataclisma scuotesse il pianeta o qualche parte importante del mondo?

È una realtà che stiamo vivendo un cambiamento importante nelle nostre vite, e tutto dimostrerebbe che potrebbe accellerare il processo a partire da poche settimane a meno che qualcosa di esterno e non umano possa fermarlo. Questa non è un’ipotesi che facciamo per alimentare la paura o il panico. Questo è quello che chiedono e portano all’attenzione sismologi e vulcanologi di tutto il pianeta, poiché qualcuno ha predetto diverse “vibrazioni” che si stanno realizzando in questi giorni.

La conseguenza di un tale violento terremoto farebbe bruciare interi quartieri, centinaia di migliaia di senzatetto, gli edifici si sgretolerebbero come un castello di carte e ci sarebbero migliaia o forse milioni di morti. Il 30 novembre un forte terremoto di magnitudo M7 ha colpito Anchorage, la più grande città dell’Alaska con una popolazione di quasi 300 mila abitanti. Come ha spiegato il sindaco di Anchorage, Ethan Berkowitz, la sua intensità è stata superata solo dal terremoto di magnitudo 9,2 del 1964, che è stato il più forte nella storia degli Stati Uniti.

Il terremoto del 30 novembre ha distrutto strade, edifici e altre infrastrutture e ha lasciato molte aree senza elettricità, ma fortunatamente non ci sono registrati morti o feriti gravi. I funzionari restano in allerta perché ci sono state centinaia di scosse di assestamento. Il sisma è stato preceduto da ciò che i sismologi hanno descritto come una misteriosa ondata sismica globale a bassa frequenza l’11 novembre. Gli scienziati non sono ancora riusciti a trovare una spiegazione per la misteriosa onda sismica.

Secondo alcuni astrologi esoterici, sarebbe collegato a un allineamento potenzialmente catastrofico di Mercurio, Venere, Terra, Marte e Giove. O almeno questo è quello che credeva un ricercatore indipendente di nome Frank Hoogerbeets, che ha profetizzato il terremoto in Alaska qualche ora prima che accadesse.

Hoogerbeets, è il fondatore di Ditrianum, un’organizzazione senza scopo di lucro con sede nei Paesi Bassi, che si concentra sulla relazione tra l’attività sismica e la geometria planetaria utilizzando il Solar System Geometry Index (SSGI). E la cosa peggiore è che il 21 dicembre 2018 potrebbe esserci un terremoto apocalittico.

Frank Hoogerbeets ha recentemente predetto che un forte terremoto avrebbe scosso il nostro pianeta nella prima settimana di dicembre. È interessante notare che poche ore dopo si è verificato il terremoto di 7 gradi in Alaska. Secondo Hoogerbeets, un raro allineamento planetario si sta verificando nel sistema solare e i terremoti sono il risultato della forza gravitazionale esercitata da Venere, Urano, Nettuno e Marte sulla Terra.

“Si prevede che i disturbi sismici continueranno nei prossimi giorni, raggiungendo possibilmente un’ampiezza massima compresa tra 6 e 7 gradi sulla scala Richter”, ha scritto Hoogerbeets sul suo sito web. “Per tutta la settimana non sarà molto meglio. Soprattutto dal 7 al 10 dicembre possono essere giorni estremamente critici per il potenziale di un terremoto di magnitudo 8 o superiore“. Hoogerbeets sostiene che attraverso la tecnologia avanzata denominata Solar System Geometry Index (SSGI) è possibile prevedere possibili terremoti.

Questo sistema avanzato analizza le posizioni geometriche di diversi pianeti, il Sole e la Luna per prevedere i movimenti sismici. Ma a quanto pare, questo è il preludio di un mega-terremoto durante il periodo natalizio. Il ricercatore afferma che la configurazione planetaria più critica si verificherà tra il 21 e il 25 dicembre e durante questi giorni ci sono buone probabilità di un terremoto di magnitudo 8 o superiore. Hoogerbeets ha anche esortato le persone a considerare questo avvertimento molto seriamente, dato che il mondo intero starà preparando il Natale in questi giorni.

Nonostante tutte le previsioni corrette di Hoogerbeet, la comunità scientifica continua a ignorare la possibilità che gli allineamenti planetari influenzino i terremoti. Secondo gli esperti di geologia, è praticamente impossibile prevedere con precisione i terremoti. Anche se sembra che questo punto di vista scettico stia cambiando…

In entrambi i casi, un team di scienziati dall’India ha pubblicato un nuovo studio che dice che un terremoto di magnitudo 8,5 o superiore scuoterà l’Himalaya centrale (che va dall’Uttarakhand al Nepal occidentale) in qualsiasi momento. Per saperne di più guarda il video youtube e vieni a raccontarci il tuo parere nella nostra pagina Facebook Spazio UFO.