I nomi famosi delle donazioni per ricostruire Notre Dame di Parigi.

Aziende e milionari hanno promesso donazioni per ricostruire la cattedrale di Notre Dame di Parigi, parzialmente distrutta da un incendio, che ammontavano ad almeno 800 milioni di euro martedì 16 aprile.

Tra le donazioni annunciate dalle grandi fortune francesi, spicca quella della famiglia di Bernard Arnault, proprietario del gruppo di prodotti di lusso LVMH, che ha promesso 200 milioni di euro. Ha anche proposto che la sua azienda metta a disposizione “le sue attrezzature creative, architettoniche e finanziarie” per aiutare a ricostruire e raccogliere fondi.

La famiglia Bettencourt, erede di L’Oréal, ha annunciato una donazione di 200 milioni di euro, cento per la società e cento per la sua fondazione. Da parte sua, la famiglia di François Pinault, proprietaria del gruppo Kering, che vende marchi come Gucci o Yves Saint Laurent, ha annunciato 100 milioni di euro tramite la sua società di investimento Artemis.

Cosa resta della Cattedrale di Notre Dame dopo l’incendio (Video Drone).

Attraverso il gruppo imprenditoriale di famiglia, il gigante della pubblicità francese JCDecaux si è impegnato a donare 20 milioni di euro. Martin Bouygues, proprietario del gruppo Bouygues, e suo fratello Olivier si sono detti “molto colpiti” e faranno una “donazione personale” di dieci milioni di euro attraverso la loro holding di famiglia, SCDM.

Il milionario Marc Ladreit de Lacharrière, che controlla le società di investimento Fimalac, ha anche promesso dieci milioni di euro “per il restauro della guglia, simbolo della cattedrale” che è crollata nel fuoco.

A nome delle compagnie francesi, il presidente della compagnia petrolifera francese Total, Patrick Pouyanné, ha annunciato su Twitter che il gruppo, “primo patrono della Fondazione per il patrimonio”, una fondazione privata francese, farebbe una “donazione speciale” di cento milioni di euro. Attraverso la sua fondazione, la banca Crédit Agricole ha annunciato una donazione, cinque milioni di euro, destinata alle misure di salvaguardia di emergenza della cattedrale.

Foto 360° Notre Dame, com’era dentro la Cattedrale di Parigi distrutta nell’incendio.

La banca BNP Paribas ha annunciato una donazione di 20 milioni di euro, mentre Crédit Mutuel e CIC non hanno specificato l’ammontare delle loro promesse. Il gruppo informatico Capgemini ha annunciato un milione di euro, la società di costruzioni Vinci ha detto che avrebbe fornito “parte del finanziamento”, ma senza annunciare l’importo e il gruppo Michelin parteciperà anche attraverso la fondazione.

incredibile foto della cattedrale di Notre Dame di Parigi in fiamme durante l'incendio.

L’organizzazione principale dei datori di lavoro francesi, Medef, ha chiesto alle aziende di partecipare alla raccolta organizzata dalla Heritage Foundation. La Confederazione delle piccole e medie imprese (CPME) è a sua volta “a disposizione delle autorità pubbliche per mobilitare la propria rete nazionale di artigiani”.

Altre società, come Groupama, hanno annunciato una donazione di 1300 querce dalle loro foreste in Normandia per ricostruire il “tetto” della cattedrale, e la compagnia Air France ha dichiarato che “trasporterà gratuitamente tutti i funzionari ufficiali che parteciperanno alla ricostruzione”.

Nostradamus aveva predetto l’incendio alla Cattedrale di Notre Dame.

Donazioni dall’estero. In un tweet negli Stati Uniti, il CEO di Apple, Tim Cook, ha annunciato che la sua azienda avrebbe fatto una donazione senza rivelare l’importo.

Da parte sua, il milionario brasiliano Lily Safra e la fondazione per conto del marito Edmond Safra, un banchiere siriano libanese morto nel 1999, hanno annunciato una donazione di 10 milioni di euro. Anche Henry Kravis, co-fondatore del fondo di investimento americano KKR, e sua moglie Marie-Josée Kravis, “angosciati dall’incendio”, hanno promesso 10 milioni di dollari.

La città ungherese di Szeged donerà anche 10.000 euro, perché nel 1879 Parigi aveva contribuito a ricostruire questa città nel sud del paese, devastata da un’inondazione. In Costa d’Avorio il re di Krindjabo, la capitale del regno di Sanwi, nel sud-est del paese, ha promesso una donazione senza specificare l’importo. Un principe del suo regno fu battezzato nella cattedrale nel diciottesimo secolo.

Ricostruzione in cinque anni. Le autorità hanno dichiarato di ritenere che l’incendio sia stato un incidente e il presidente francese Emmanuel Macron ha promesso di ricostruire Notre Dame in cinque anni, considerato uno dei migliori esempi di architettura gotica francese ed europea e visitato da oltre 13 milioni di persone di persone all’anno.