camilla lamante clandestina che fini incoronata regina dinghilterra

La coronazione di Camilla Parker Bowles come regina britannica segna la fine di un lungo e accidentato viaggio dai margini del palazzo al centro dell’attenzione reale. La donna di 75 anni sarà accanto al marito, il re Carlo III, quando verrà incoronato il prossimo 6 maggio in una cerimonia che, originariamente, avrebbe visto protagonista la defunta principessa Diana.

Negli anni turbolenti degli anni ’90, Camilla fu disprezzata dall’opinione pubblica come “l’altra donna” nel matrimonio di Carlo con la sua prima moglie, Lady Diana Spencer, e colpevole della successiva tragedia. La principessa di Galles la soprannominò il “Rottweiler” e in una controversa intervista nel 1995 sconvolse il mondo rivelando che erano “tre persone” nel suo matrimonio.

Ma poco a poco si guadagnò l’accettazione, se non l’adorazione, per il suo forte sostegno al marito e la dedizione poco appariscente alle buone cause. Anche se gli indici di popolarità di Camilla rimangono più bassi rispetto alla maggior parte degli altri membri della famiglia reale, il pubblico britannico la vede sempre di più come una figura calorosa e con i piedi per terra.

Ma da quando è uscita dall’ombra nel 2005, la favorita, che sta diventando la donna più longeva ad essere incoronata regina, si è lasciata guidare da un gruppo di addetti stampa che l’hanno trasformata da cattiva della storia a eroina. Il principe Harry, addirittura, l’ha definita “pericolosa” e l’ha accusata di filtrare informazioni alla stampa per screditare la famiglia reale e aumentare la propria popolarità.

Il cronista della famiglia reale Richard Fitzwilliams ha detto che quasi tre decenni dopo la separazione e il divorzio, i britannici hanno ora “una visione benigna” di Camilla. La coppia reale era “molto, molto ben equipaggiata”, essendo della stessa età e con un “senso dell’umorismo simile, amici simili”, ha detto. “Era tutto ciò che Diana non era, ovviamente, ma penso che ciò che è stato trasmesso è che lei è un grande supporto in modo abbastanza tranquillo”.

“Immagina la tortura psicologica di essere una sposa adolescente e trovare una lettera della donna di 34 anni che tradisce tuo marito… sul tuo *letto* Non riesco a immaginare una volgarità così fredda, così ferita. Ora ci viene detto di chiamare questa adultera ‘Regina Camilla’? No.#Cowmilla #NotMyQueen”.

regina camilla twitter

Dalla morte della madre di Carlo, la regina Elisabetta II, l’anno scorso, le cause che Camilla ha sostenuto per anni hanno ricevuto una piattaforma molto più grande. Attualmente la regina è patrona o benefattrice di decine di organizzazioni di alfabetizzazione, parla a sostegno delle vittime di violenza domestica e abuso sessuale ed è protettrice di molte organizzazioni per il benessere degli animali. Inoltre, ha fatto diverse apparizioni in televisione e radio, parlando della lotta di sua madre contro l’osteoporosi e del suo amore per il giardinaggio e l’allevamento di cavalli.

“Ha fatto un ottimo lavoro (ma) è difficile sapere quanto di ciò sia arrivato al pubblico”, ha detto Fitzwilliams. “Ha avuto un profilo molto basso nel Regno Unito negli ultimi decenni. Ora ha un momento per attirare maggiormente l’attenzione”, ha detto l’ex ambasciatore del Regno Unito in Francia, Peter Ricketts. Ma Camilla ha dimostrato di essere “una donna forte” e “una persona molto calorosa” che “crede appassionatamente nelle sue convinzioni caritative”, ha aggiunto.

Il miglioramento della stampa di Camilla è stato in gran parte un riflesso della “persona genuina” anziché di una presunta operazione palaziale destinata a renderla più accettabile per il pubblico come regina di Carlo, ha detto. Il sigillo reale di approvazione per Camilla è arrivato l’anno scorso quando Elisabetta II ha detto che era il suo “sincero desiderio” che Camilla fosse conosciuta come regina dopo la sua morte.

Crianza tradizionale, famiglia borghese e vicina alla reale: chi è Camilla Parker Bowles

Membro dell’alta borghesia inglese ma plebea, divorziata e madre di due figli adulti, Camilla Shand è nata il 17 luglio 1947. Figlia del sindaco Bruce Shand e di Rosemary Cubitt, ricchi proprietari terrieri, educata nelle migliori scuole private, prima a Londra, poi in Francia e in Svizzera, Camilla si muoveva negli stessi circoli sociali di Carlo.

La sua famiglia aveva persino legami con la famiglia reale. Sicura di sé e attraente, ha incontrato il principe Carlo quando era giovane in una partita di polo all’inizio degli anni ’70. È stata fotografata mentre si piantava davanti a Carlo e gli diceva: “Sapevi che mia bisnonna, Alice Keppel, era l’amante del tuo trisavolo, Edoardo VII? Sento che abbiamo qualcosa in comune”.

Si crede che l’amore sia stato a prima vista. Ma poco dopo essersi conosciuti, Carlo è entrato nella Royal Navy e lei, stanca di aspettare, ha sposato uno dei suoi ammiratori, l’ufficiale dell’esercito britannico Andrew Parker Bowles. Dopo la nascita di due figli (Tom e Laura), Camilla è tornata tra le braccia di Carlo mentre Andrew, conoscitore della storia, ha mantenuto un galante silenzio.

La principessa Diana, che ha capito che Camilla era il grande amore della vita di Carlo fin dal giorno del loro matrimonio nel 1981, stufa della situazione, ha riconosciuto in una scandalosa intervista nel 1995

che il loro era “un matrimonio a tre”. Quando il matrimonio reale è crollato, Carlo e Camilla hanno ravvivato la loro relazione. Camilla e Andrew si sono divorziati nel 1995, un anno prima di Carlo e Diana.

L'”Operazione Ritz” e la relazione di Camilla con Elisabetta II

Dopo che la principessa Diana è morta tragicamente nel 1997, quando la monarchia britannica era al suo punto più basso di popolarità, l’emergere di Camilla come compagna del principe Carlo è stata parte di una campagna di relazioni pubbliche attentamente pianificata diretta dall’esperto Mark Bolland, che ha avuto successo.

La prima apparizione pubblica di Carlo e Camilla come coppia è stata attentamente organizzata alle porte dell’Hotel Ritz di Londra nel 1999, nella cosiddetta “Operazione Ritz”. La culminazione della storia d’amore, che è stata resistita dalla famiglia reale e dall’opinione pubblica, è stata un matrimonio civile al Guildhall di Windsor il 9 aprile 2005.

“La regina si è resa conto che Carlo aveva bisogno di qualcuno e la duchessa è meravigliosa con lui ed è molto felice, e la regina deve essere molto felice per questo”, ha detto l’aristocratica vicina alla famiglia reale Lady Anne Glenconner. Ma la strada è stata difficile.

Dopo la morte di Diana, la regina sapeva quanto fossero alti i sentimenti nei confronti di Camilla. Sapevano di dover sbarazzarsi dell’etichetta di ‘amante’. Ma tutto era questione di tempo”, ha detto l’ex segretario stampa della regina, Dickie Arbiter.

La biografa reale Penny Junor ha descritto come l’opinione di Elisabetta II su Camilla sia rimasta invariata dopo la morte di Diana, un punto di svolta importante nel lungo regno. L’autrice assicura che l’atteggiamento della regina nei confronti di Camilla non si basava su un’avversione personale: “La regina aveva voluto che [Camilla] scomparisse prima della morte di Diana e non ha cambiato idea dopo”.

“Credo che la regina fosse molto angosciata perché Camilla era quella che stava minando il matrimonio dei Galles”, ha detto l’esperto reale Clive Irving. “Non era niente di personale, ma era Camilla che era stata responsabile, consapevolmente o meno, di tutti i disastri che erano accaduti”, concorda Junor.

Nel 2016, due columnisti del Daily Mail, Richard Kay e Geoffrey Levy, hanno scritto un articolo che descriveva come Isabel rinnegò la relazione e poi si affezionò incredibilmente a Camilla: “La regina la considerava come un’adultera che aveva portato suo figlio sulla cattiva strada”.

“Charles aveva fatto perfettamente chiaro a chiunque volesse ascoltare che Camilla era una parte non negoziabile della sua vita. La posizione della regina era quella di monarca, non di madre, e lì era il problema”, ha spiegato Penny Junor. “Suo figlio aveva urgentemente bisogno di sostegno e questa donna glielo aveva dato. Lo aveva salvato dalle profondità della depressione, gli aveva mostrato l’amore e il conforto, l’approvazione, la tenerezza che erano così tristemente mancati altrove”.

Dopo che Diana morì in un incidente automobilistico a Parigi nel 1997, la coppia fece la loro prima apparizione pubblica insieme nel 1999. Si sono sposati il 9 aprile 2005, in una cerimonia civile a Windsor e da allora lei (titolata duchessa di Cornovaglia perché non voleva usare il titolo di principessa di Galles) è stata ampiamente accettata dalla famiglia reale, incluso il figlio maggiore di Carlo e Diana, il principe William.

Nella sua rivelatrice biografia “Spare”, pubblicata a gennaio, il principe Harry ha rivelato che lui e William hanno supplicato il loro padre di non sposare la sua ex amante. Alla fine, però, ha detto, “l’hanno salutata con la mano (e) le hanno augurato il meglio”. “Abbiamo riconosciuto che alla fine sarebbe stata con la donna che amava, la donna che aveva sempre amato”, ha scritto.