Bitcoin City, la città che El Salvador vuole creare basata su Bitcoin

Come già sappiamo il Bitcoin ha corso legale in El Salvador, una misura non molto apprezzata dalla popolazione, ma che sembra non avere marcia indietro. Adesso il governo di El Salvador ha rilasciato una notizia che mostra quanto sia grande il suo sostegno a questa criptovaluta, poiché il presidente Nayib Bukele ha rivelato i piani per costruire una “Bitcoin City” vicino a un vulcano lungo il Golfo di Fonseca.

L’idea è che la città abbia una propria centrale geotermica con l’obiettivo di aiutare a supportare la mina di bitcoin. Non ci saranno plusvalenze, reddito, buste paga o tasse sulla proprietà, ma ci sarà un’imposta sul valore aggiunto.

La cosa più curiosa è che vogliono che la città abbia la forma di una moneta, aperta a chiunque possa viaggiare per lavorare al nuovo sviluppo.

Al momento non hanno dato date, ma sono che non si fermano. Hanno anche annunciato il “Bonus Bitcoin“, del valore di un miliardo di dollari, e ne utilizzerà metà per costruire infrastrutture energetiche e minerarie, l’altra metà sarà utilizzata per acquistare più bitcoin.

El Salvador inizierà a vendere criptovalute

Tra cinque anni, El Salvador inizierà a vendere criptovalute (quando dovrebbe valere molto di più) e pagherebbe un dividendo aggiuntivo agli obbligazionisti. L’idea è che questo possa portare un enorme profitto al Paese, visto che c’è un rendimento iniziale del 6,5%, anche se sappiamo già che Bitcoin non è sinonimo di stabilità.

Saremo attenti alle novità per dare maggiori dettagli su questa Bitcoin City, una città che avrà incentivi fiscali in modo che le persone siano incoraggiate a investire e a viverci.