Aumenta prezzo del Caffè: si consuma molto di più in quarantena che al Bar o in ufficio.

Non solo la carta igienica ha registrato un aumento delle vendite durante la crisi scatenata dal covid-19. Le restrizioni e l’isolamento delle famiglie dovuto alla pandemia hanno anche aumentato significativamente la domanda di caffè.

Nell’ultimo mese, i prezzi dei futures per il caffè arabica a maggio sono cresciuti del 15% alla Borsa di New York, dove sono stati scambiati giovedì a 1,2 dollari alla libbra (0,453592 Kg).

Mentre molti altri prodotti, come metalli o petrolio, hanno registrato un calo significativo della domanda, è accaduto il contrario con il caffè.

C’è stato solo un cambiamento nel modo in cui viene consumato: invece di portarlo nei bar, la gente ora lo prepara a casa.

In questo senso, i torrefattori che vendono principalmente per il consumo fuori casa e riforniscono aziende come caffè, bar e ristoranti, hanno subito un colpo “sostanziale e significativo” in tutte le regioni.

Al contrario, coloro che vendono caffè principalmente attraverso i negozi hanno visto un aumento della domanda. “Le persone riempiono i loro armadi e li tengono pieni, quindi continuano a uscire e ad acquistare”, ha detto alla CNBC Maximillian Copestake, direttore esecutivo delle vendite di caffè in Europa per il broker Marex Spectron.