Il prezzo del petrolio scende al livello più basso dal 2002.

I prezzi del greggio hanno toccato il livello più basso in 18 anni, continuando la loro caduta libera tra i timori che la pandemia di coronavirus e le misure di contenimento potrebbero innescare una recessione globale. I future sul petrolio WTI per la consegna di aprile sono scesi del 9% a $ 24,5, il più basso dal 2002.

Nel frattempo, il prezzo del greggio Brent è sceso sotto i $ 28 al barile, per la prima volta dal 10 gennaio 2016. Dopo un calo del 4,6%, i future sul Brent per la consegna a maggio sono a $ 27,4 al barile.

Crash nei mercati globali

Nei giorni scorsi si è verificato un drastico collasso nei principali mercati globali dopo che l’OMS ha dichiarato covid-19 come una pandemia e la successiva sospensione dei voli dall’Europa agli Stati Uniti decretato da Washington nel tentativo di frenare

la diffusione del coronavirus mortale.

L’industria petrolifera è stata inoltre colpita dal calo dei prezzi del greggio in seguito al fallimento del patto dei paesi OPEC+ (Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio) di ridurre la produzione di petrolio.

Questo scenario si verifica nonostante il fatto che le principali banche centrali del mondo abbiano adottato misure questa domenica per rassicurare i mercati a causa dei timori generati da questa pandemia che ha costretto i governi a mettere in quarantena milioni di persone. La Federal Reserve americana, la Banca centrale europea e la Banca del Giappone hanno offerto di aumentare l’offerta di liquidità dei mercati finanziari.