4 tazze di caffè al giorno proteggono il muscolo cardiaco

SALUTE NEWS – Un nuovo studio ha dimostrato che bere quattro tazze di caffè al giorno può proteggere dai danni del muscolo cardiaco attraverso l’effetto della caffeina su una proteina chiamata p27.

L’assunzione di caffeina è stata associata ad un minor rischio di diverse malattie metaboliche croniche come le malattie cardiovascolari (ictus e cardiopatia ischemica) e il diabete di tipo II. L’attuale studio, che è stato condotto presso l’Heinrich-Heine-University e l’IUF-Leibniz Research Institute for Environmental Medicine di Duesseldorf, Germania, mostra che la caffeina, a una concentrazione equivalente a quella in quattro tazze di caffè, lavora per migliorare il mitocondrio entrata di una proteina chiamata p27.

La proteina p27 promuove efficacemente la funzione mitocondriale. Protegge le cellule del cuore e dei vasi sanguigni dai danni. Lo studio è stato recentemente pubblicato nella rivista PLOS Biology.

Ricerche precedenti condotte dagli stessi scienziati hanno rivelato che la caffeina migliora la funzione delle cellule endoteliali che rivestono il sistema cardiovascolare. Si è visto che questo si verificava a dosi normali e sicure ed era correlato ai mitocondri.

A seguito dello studio, gli scienziati si sono concentrati sulla proteina p27, meglio conosciuta come inibitore del ciclo cellulare, e hanno scoperto che era presente nei mitocondri di tutti i principali tipi di cellule nel cuore.

La proteina p27 previene la morte cellulare nelle cellule del muscolo cardiaco.

Incoraggia le cellule endoteliali a migrare e promuove la maturazione dei fibroblasti nelle cellule contrattili. Questi processi sono componenti vitali della riparazione del muscolo cardiaco a seguito di un attacco di cuore.

La caffeina promuove questa riparazione facilitando il primo passo, cioè l’ingresso della proteina p27 nei mitocondri, a livelli fisiologici. Questo effetto protettivo contro i danni del cuore è presente nei topi anziani, obesi e prediabetici.

I risultati indicano una nuova modalità di azione per la caffeina, una che promuove la protezione e la riparazione del muscolo cardiaco attraverso l’azione del p27 mitocondriale. Questi risultati dovrebbero portare a strategie migliori per proteggere il muscolo cardiaco dai danni, inclusa la considerazione del consumo di caffè o della caffeina come fattore dietetico aggiuntivo nella popolazione anziana.

Dopo che studi avrebbero evidenziato che bere caffé riduce il rischio del diabete, il rischio del cancro del colon, inoltre protegge dalle malattie gengivali e dentali e sarebbe

utile anche per la vista, ora si è scoperto che la nera bevanda ha un ulteriore effetto positivo.

Secondo una nuova ricerca condotta dagli scienziati della O J Kennedy dell’Università di Southampton in Inghilterra, si è scoperto che il consumo di due tazze di caffè al giorno può avere effetti protettivi contro la cirrosi del fegato anche per il 44 per cento.

Secondo quanto hanno dichiarato gli autori dello studio sulla rivista scientifica “Alimentary Pharmacology and Therapeutics”, il consumo della bevanda, nota fin dall’antichità, è stato infatti associato a una significativa riduzione di sviluppare la cirrosi del fegato.

I ricercatori sono giunti a tali conclusioni dopo aver esaminato i dati di 432 mila pazienti, raccolti durante visite effettuate durante otto dei nove studi. Bere caffé per protegge pure il fegato da malattie come la cirrosi. Con la cirrosi epatica il fegato si deteriora lentamente e non funziona più a causa di lesioni croniche. Il tessuto cicatriziale sostituisce il tessuto epatico sano, bloccando parzialmente il flusso del sangue diretto verso il fegato.

Un fegato sano è in grado di rigenerare la maggior parte delle proprie cellule nel momento in cui esse vengono danneggiate; nel caso di cirrosi il fegato non può più efficacemente sostituire le cellule danneggiate. Un fegato sano è necessario per la sopravvivenza.

La cirrosi epatica ha varie cause, nei paesi industrializzati il consumo di alcol e l’epatite C sono le cause più comuni. Anche l’obesità sta diventando una causa comune di danni epatici, o come causa unica oppure in combinazione con alcol o con l’epatite C, o entrambi.

Molte persone che soffrono di cirrosi presentano più di una causa. Inoltre la cirrosi è la dodicesima causa principale di morte per malattia negli Stati Uniti, il che corrisponde a 27. mila morti ogni anno. La malattia colpisce più frequentemente gli uomini rispetto alle donne.

Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, ricorda che è sempre meglio non esagerare con l’abuso di alcuna sostanza per gli effetti collaterali che comunque può comportare.