La vedova di John McAfee accusa le autorità USA della morte del marito.

La vedova di John McAfee, il magnate anglo-americano trovato morto mercoledì in una prigione spagnola dopo l’approvazione della sua estradizione negli Stati Uniti, ha accusato le autorità del Paese nordamericano della morte del marito. “Avevamo già un piano d’azione per impugnare quella decisione”, ha spiegato la donna 38enne.

“Incolpo le autorità statunitensi per questa tragedia. A causa di queste accuse motivate politicamente contro di lui, mio ​​marito ora è morto”.

Janice, che aveva appena lasciato la prigione per raccogliere gli effetti personali di McAfee, ha detto che ore prima le sue ultime parole per lei sono state: ‘Ti amo e ti chiamo di notte”. “Non sono le parole di una persona che va a suicidarsi”, ha aggiunto, chiedendo “un’indagine approfondita” per chiarire i fatti.

“Anche se è nato in Inghilterra, l’America era la sua casa”, ha continuato la donna del fondatore dell’azienda di antivirus McAfee. “Ha guadagnato il suo primo milione lì e voleva essere lì. Ma, sai, la politica non avrebbe permesso che accadesse”.

A questo proposito, ha indicato che tutto quello che voleva il defunto marito, che aveva 75 anni, era passare gli anni rimanenti a pescare e bere. “Speravo che tutto avrebbe funzionato. Sapevamo che ci sarebbe stata una battaglia in salita per continuare a combattere questa situazione. Ma lui era un combattente”, ha detto, affermando che tutti quelli che lo conoscevano sapevano questo di lui.

Era così amorevole. Aveva un cuore grande e amava le persone e voleva solo avere pace nella sua vita”, ha lamentato Janice.

“Le mie preghiere sono che la sua anima abbia trovato nella morte la pace che non ha potuto trovare nella vita”, ha concluso.

Mistero sulla morte di John McAfee: veramente è un suicidio?

Nell’ottobre 2020, il magnate è stato accusato negli Stati Uniti di aver evaso più di quattro milioni di dollari di tasse e di un caso di frode di criptovaluta. A quel tempo, l’uomo d’affari sosteneva di non aver pagato le tasse per motivi ideologici.

Nello stesso mese, McAfee è stato arrestato all’aeroporto El Prat di Barcellona, ​​mentre stava cercando di recarsi in Turchia, ed è stato mandato in prigione provvisoria. Precisamente, questo mercoledì la Corte nazionale spagnola ha approvato la sua estradizione nel paese nordamericano.

Il Dipartimento di Giustizia del governo della Catalogna ha indicato che “tutto indica che potrebbe essere una morte per suicidio”. Tuttavia, alcuni utenti di Internet hanno condiviso un tweet scritto nel giugno dello scorso anno in cui il magnate della tecnologia assicurava che, se si impaccava, “à la Epstein”, non sarebbe stato per colpa sua…