UK: aumentano decessi e ricoveri Covid-19 di persone già vaccinate

Secondo uno studio del governo britannico, pubblicato il 5 aprile sul proprio sito, l’aumento dei decessi e dei ricoveri dovuti al Covid-19 è dominato da persone che hanno già due vaccini contro il Covid.

Il governo britannico non è un motore neutrale della crisi Covid, quindi le sue dichiarazioni non dovrebbero essere prese alla lettera. Dobbiamo però prendere atto della notizia alquanto preoccupante, che non si accorda affatto con i soliti pronunciamenti ufficiali, e che tuttavia viene pubblicata – seppur ben nascosta – su un quotidiano ufficiale del governo.

È così semplice: le persone vaccinate con già due dosi di vaccinazione ora costituiscono la maggior parte dei malati di coronavirus nel Regno Unito e dominano persino il loro numero: rappresentano circa i due terzi di tutti i casi.

Nello studio, intitolato “SPI-M-O: Summary of further modelling of easing restrictions – Roadmap Step 2“, e datato 31 marzo 2021, si afferma che:

“La recrudescenza sia dei ricoveri che dei decessi è dominata da coloro che hanno ricevuto due dosi di vaccino, che rappresentano rispettivamente circa il 60% e il 70% dell’impulso.

Ciò può essere attribuito agli alti livelli di accettazione nei gruppi di età a più alto rischio, in modo tale che i fallimenti dell’immunizzazione rappresentano malattie più gravi rispetto agli individui non vaccinati. Questo è discusso ulteriormente nei paragrafi 55 e 56″.

Una pubblicazione ufficiale quindi che conferma l’ipotesi avanzata dal virologo Dr.Geert Vanden Bossche, dal dott Vernon Coleman, dalla dott.ssa María José Martínez Albarracín (guarda il video in spagnolo) e da altri esperti che hanno avvertito che la vaccinazione di massa contro il Covid-19 produrrebbe una “malattia potenziata dal vaccino“. Come indica lo studio, questo sta già accadendo nel Regno Unito. Anche se i mass media non lo stanno divulgando.