Il Traduttore di Google ha un nuovo "pericoloso" rivale

Google Translate è sicuramente il traduttore più diffuso nella rete mondiale. La compagnia che ha creato Line però si è lanciata nell’intento di togliere a Google questo primato, con una nuova applicazione tecnologica. Lo scorso 19 luglio la compagnia sudcoreana Naver ha lanciato l’applicazione Papago. Si tratta di un traduttore che, come per Google Translate, usa una intelligenza artificiale.

Nello specifico, Papago usa la tecnologia denominata “machine learning” (apprendimento automatico), un sistema informatico di nodi neuronali, che si caratterizzano per tentare imitare i processi cognitivi che gli esseri umani realizzano di forma intuitiva.

Nell’agosto del 2016, questo stesso servizio di traduzione istantanea, permetteva solamente l’inserimento di 200 caratteri al massimo.

Adesso però la recente versione diffusa in rete ne permette utilizzare fino a 5 mila che è la stessa quantità massima permessa nel Traduttore di Google.

L’applicazione “Naver Papago Translate“, azienda conosciuta nel mondo per l’app Line, mette a disposizione dell’utente sei lingue: francese, cinese, giapponese, coreano, inglese e spagnolo. In futuro sono previsti ampliamenti nell’uso delle lingue. In questo momento è disponibile su Google Play e App Store.

Un altro rivale di Google Translate è Yandex Traductor. Questa applicazione russa permette la traduzione di lingue meno conosciute come per esempio la lingua elfica e altre similari. Lo caratterizza per essere capace di imparare la lingua da solo.