Durante il mese di aprile, nelle vicinanze della caldera di Yellowstone, meglio conosciuta come supervolcano di Yellowstone, nel nord-ovest dello stato del Wyoming (USA), sono stati registrati un totale di 63 terremoti. Sebbene l’entità del più forte di tutti fosse solo di magnitudo 2,6 alcuni esperti avvertono che non è la potenza a preoccupare, ma la quantità.

Una sequenza di deboli scosse attorno a un vulcano potrebbe essere un segno della sua prossima eruzione, dice Scott Burns, professore di geologia alla Portland State University, nello stato dell’Oregon, intervistato dal Daily Express. “Se ci sono sciami sismici sotto un vulcano attivo, un’ipotesi di lavoro è che il magma si muova al di sotto”, dice lo scienziato.

Secondo il professore emerito di geologia e geofisica presso l’Università dello Utah, Robert B Smith, autore di Windows into the Earth (Finestre dentro la Terra), l’esplosione del supervulcano Yellowstone porterebbe con sé una “devastazione completa e incomprensibile” e coprirebbe l’intera parte occidentale degli Stati Uniti con

le sue ceneri. La colonna di cenere sarebbe così densa da ostacolare il trasporto aereo e causare problemi con l’approvvigionamento alimentare globale.

Terremoti frequenti Yellowstone, il supervulcano respira.

C’è comunque chi la pensa in modo opposto. Tuttavia, dalla paura generata dai recenti terremoti, altri esperti smentiscono la teoria della prossima eruzione della caldera di Yellowstone. In questo senso, Jamie Farrell, PhD in geofisica presso l’Università dello Utah, ricorda che i terremoti sono abbastanza comuni nella zona prossima a Yellowstone e che fanno parte del ciclo naturale. “Non vi è alcuna indicazione che questo sciame sismico sia legato al magma che si muove attraverso la crosta superficiale”, dice Farrell.

L’ultima eruzione di questa caldaia avvenne 700 mila anni fa e gli specialisti stimano che dovrebbe ripetersi ogni milione di anni.