svelato segreto violini stradivari

Antonio Stradivari di Cremona è considerato il maestro insuperabile degli strumenti musicali ad arco. Il suono dei suoi violini, viole e violoncelli è unico. I più eccezionali ricevono il proprio nome, hanno mantenuto le loro qualità per secoli e valgono milioni di dollari. Non è possibile copiarli nemmeno con gli strumenti più moderni: alcuni materiali e tecniche utilizzate dal famoso liutaio cremonese rimangono ancora oggi un mistero.

Tuttavia, gli scienziati rivelano gradualmente alcuni dei suoi segreti. Nel 2016, un team di chimici taiwanesi ha identificato il conservante applicato dall’insegnante. Ora, secondo ACS Analytical Chemistry, i ricercatori in Italia hanno scoperto la composizione dello strato segreto sotto la vernice che ricopre il legno.

L’esistenza di questo rivestimento stesso era già nota. Il maestro ha applicato questo prodotto prima di verniciare i suoi strumenti, riempiendo tutte le irregolarità del legno per influenzare la risonanza.

Tuttavia, ciò che era sconosciuto erano i suoi componenti.

Il team di Lisa Vaccari, Marco Malagodi e colleghi si è rivolto alla microscopia ottica a scansione in campo vicino (s-SNOM) per studiare due famosi violini Stradivari: il San Lorenzo (del 1718) e il Toscano (del 1690).

Secondo lo studio pubblicato su ACS Analytical Chemistry, le immagini microscopiche 3D hanno mostrato che il prodotto sotto la vernice è stato creato da proteine ​​che, una volta elaborate, formavano grumi di dimensioni nanometriche che riempivano le irregolarità sulla superficie del legno, .

L’insieme specifico di proteine ​​è ancora sconosciuto, ma sembra includere il collagene, un componente comune nel tessuto connettivo animale.

Curiosità

12 violini Stradivari

La musicista olandese Janine Jansen ha raccolto 12 violini Stradivari per un valore totale di 200 milioni per creare il suo nuovo album nel 2021.