Russia e India creano Sistema di pagamento in Rubli e Rupie bypassando SWIFT

Russia e India hanno completato la creazione di un sistema di pagamento internazionale a servizio del commercio bilaterale e quindi di offrire un’alternativa alla piattaforma occidentale SWIFT, che ora non è disponibile per la Russia.

Come riporta il quotidiano indiano The Economic Times, il nuovo sistema sarà installato presso la sede della Reserve Bank of India (RBI) e della banca statale russa VEB e dovrebbe essere messo a punto nel corso di questa settimana per garantire il regolare trasferimento di documenti di importazione o esportazione per operazioni in rupie e rubli.

Come funzionerà lo schema?

Il nuovo meccanismo prevede che le negoziazioni vengano regolate tramite il conto di debito in rupia, che la VEB manterrà presso la RBI. Se una società importatrice russa riceve una spedizione da un esportatore indiano, VEB (supponendo che sia la banca dell’importatore) riceverà dall’importatore locale i rubli o dollari equivalenti al valore dell’attività. Quindi informerà la RBI di addebitare lo stesso importo di rupie dal conto del debito in rupie e di accreditarlo alla banca indiana dell’esportatore. “Documenti e pagamenti possono essere scambiati attraverso questo ‘software’, presentato come un’alternativa a SWIFT a livello globale”.

I media indiani hanno riferito mercoledì che le banche centrali di entrambi i paesi stanno creando un quadro normativo per gli accordi reciproci e che i rappresentanti della Banca centrale russa potrebbero arrivare in India questa settimana per colloqui con i loro colleghi RBI.

Postura indipendente

L’Occidente ha bloccato Mosca dall’accesso ai sistemi di regolamento in dollari ed euro come parte di sanzioni senza precedenti imposte sull’operazione militare russa in Ucraina.

A differenza di USA e UE, l’India non ha criticato la Russia per la sua operazione militare in Ucraina e si è astenuta dal condannare Mosca durante i recenti turni di votazione all’ONU, nonostante le pressioni

dell’Occidente.

Scambio commerciale

L’India ha esportato in Russia beni per un valore di 3,3 miliardi di dollari nel 2021, principalmente prodotti farmaceutici, tè e caffè. Per quanto riguarda le importazioni, l’India ha acquistato beni russi per un valore di 6,9 miliardi di dollari, comprese armi, risorse minerarie, fertilizzanti, metalli, diamanti e altre pietre preziose. L’India importa anche petrolio russo e i media locali hanno recentemente riferito che la principale raffineria del paese, Indian Oil, ha aumentato gli acquisti di greggio russo nell’ultimo mese.

In precedenza, due funzionari indiani hanno detto a Reuters che il loro Paese stava valutando la possibilità di accettare un’offerta da Mosca per acquistare petrolio russo e altre materie prime “a un forte sconto”, aggirando il dollaro USA attraverso un meccanismo di scambio che consente di utilizzare solo rupie e rubli.

Opportunità di mercato

L’economia indiana potrebbe beneficiare delle sanzioni che la Russia sta affrontando in quanto offrono agli esportatori indiani l’opportunità di espandersi nel mercato russo.

Così, l’ambasciatore russo a Nuova Delhi, Denís Alipov, ha affermato questo mese in un’intervista a un canale televisivo locale che le aziende farmaceutiche indiane possono sostituire i produttori occidentali che si sono ritirati dal mercato russo sotto sanzioni.

L’India è presente sul mercato russo da tempo e partecipa al programma statale Farma, dedicato allo sviluppo dell’industria farmaceutica e medica in Russia.

“Ci sono joint venture per la produzione di farmaci in Russia e penso che ci saranno più opportunità in questa nicchia”, ha affermato l’ambasciatore.