Rischio aumento ipertensione arteriosa con la Carne molto cotta | Salute News

Sulla carne si continua a fare test e esperimenti per arrivare a capire bene gli effetti che procova nella nostra salute. Una ricerca pubblicata nella rivista scientifica American Heart Association ha trovato un legame tra l’arrosto e un picco nei livelli di pressione sanguigna. Autore del report, il dottor Gang Liu che ha detto: “Questi pattern possono portare ad un elevato rischio di sviluppare un problema di ipertensione“. Il ricercatore è uno scienziato nello studio cardiovascolare, presso l’Università di Harvard.

Il nuovo studio, ha messo in luce che sia la carne che il pesce cotti alla griglia possono potenzialmente infiammare le arterie ed incrementare il rischio di ipertensione, cioè di pressione alta, del 17%.ù

Le sostanze chimiche che si producono cucinando la carne ad alte temperature hanno inducono stress ossidativo, infiammazione e resistenza all’insulina, secondo gli studi che abbiamo condotto sugli animali”, ha spiegato il leader

dello studio dottor Gang Liu.

La ricerca si è avvalsa di 100mila partecipanti, inizialmente tutti in salute, dei quali sono stati monitorati i metodi di cucina, cibi consumati e pressione sanguigna. Dopo 12 anni, 37123 di loro soffrivano di ipertensione. Il team ha rilevato una connessione tra la condizione dei partecipanti e i loro metodi di cucina, e non solo con il genere di alimenti consumati.

Se le carni o i pesci venivano cotti alla griglia, infatti, e se questi cibi venivano consumati più di 15 volte in un mese, la percentuale di rischio aumentava del 17%. I ricercatori non sono tuttavia riusciti a stabilire una connessione causa-effetto precisa, ma sono convinti che questa associazione sia abbastanza forte da convincere i consumatori di carne e pesce a non cuocere o grigliare troppo le proprie pietanze.

Un’attenzione quella per la ricerca di diete più equilibrate che deve far comunque riflettere. Se solitamente mangiamo la carne molto cotta, suggerisce Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, è arrivato il momento di cambiare abitudini.