I siti web popolari (come YouTube) non soddisfano i requisiti SEO di base di Google

Una nuova ricerca SEO suggerisce che molti dei siti web più popolari superano a malapena i requisiti minimi di Google per una “buona” esperienza sulla pagina. Secondo i dati di Searchmetrics, oltre il 90% dei siti nelle ricerche da dispositivi mobili e il 96% di quelli nelle ricerche da desktop, attualmente non riescono a soddisfare le tre soglie di usabilità di Google Core Web Vitals.

Il nuovo aggiornamento di Core Web Vitals sarà ufficialmente disponibile da metà giugno di quest’anno e verrà utilizzato per valutare l’esperienza dell’utente sul Web nel mondo reale. In questo momento, solo i primi due o tre siti web con il posizionamento migliore raggiungono il punteggio “buono” richiesto nella maggior parte delle nuove metriche di Google. Con questo in mente, Searchmetrics prevede che l’aggiornamento di Core Web Vitals avrà un’influenza notevole sul posizionamento SEO delle pagine.

Dati di posizionamento di Google

Lo studio ha esaminato oltre due milioni di pagine web che compaiono tra i primi 20 risultati di Google negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Germania. I dati di Searchmetrics mostrano che esiste già una correlazione positiva tra le pagine web che si classificano molto bene e quelle che hanno un buon rendimento sulle metriche di Core Web Vitals. Un’enorme eccezione a questo, tuttavia, è stata YouTube di proprietà di Google, che si è classificata in alto nelle ricerche nonostante le sue scarse velocità di caricamento e reattività.

“L’aggiornamento di Google Core Web Vitals è per molti versi una risposta ai siti web che non sono all’altezza delle aspettative degli utenti.

È un chiaro messaggio ai proprietari di siti web che non mettere gli utenti al primo posto potrebbe avere un effetto negativo sulle classifiche”, ha affermato Marcus Tober, fondatore e Chief Evangelist di Searchmetrics.

“I nostri risultati iniziali suggeriscono che c’è molto lavoro da fare per la maggior parte dei siti web per ottenere la loro usabilità alla pari. E, naturalmente, l’e-commerce e altre aziende devono essere consapevoli del fatto che una buona esperienza utente non solo influenzerà le classifiche di Google, ma avrà un impatto aziendale positivo, può aiutare a guidare le conversioni e incoraggiare i visitatori a rimanere più a lungo sul posto, coinvolgere e continuare a tornarci”.

Core Web Vitals di Google

I principali elementi vitali del Web di Google valuteranno la velocità di caricamento del contenuto di una pagina, la sua reattività e la sua stabilità visiva. In combinazione con i fattori evidenziati dallo studio, Core Web Vitals penalizzerà anche il codice non necessario sulle pagine web costruite utilizzando modelli di creazione di siti web come WordPress e Wix. E questo ci fa pensare che sia la risposta a WP che ha deciso di bloccare il FloC di Google.