David Nabarro, consigliere speciale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), teme l’inizio di una terza ondata di covid-19 all’inizio del 2021 in Europa, se i governi del continente continueranno a ripetere le loro azioni per affrontare la malattia.

“Non hanno costruito l’infrastruttura necessaria durante i mesi estivi, dopo aver tenuto sotto controllo la prima ondata. Ora abbiamo la seconda ondata. Se non costruiscono l’infrastruttura necessaria, ne avremo una terza all’inizio del prossimo anno”, ha avvertito Nabarro.

Il responsabile dell’OMS per il coronavirus in Europa ha criticato il fatto che non tutti i paesi europei hanno chiuso alcuni servizi per evitare infezioni. Dice che, a differenza dell’Austria, la Svizzera mantiene aperte le sue stazioni sciistiche e questo potrebbe causare “un livello molto alto di malattie e morte”. “Una volta che i tassi di infezione calano e si abbassano, allora possiamo essere liberi quanto vogliamo, ma adesso? Le stazioni sciistiche dovrebbero essere aperte? A quali condizioni?”.

Nabarro ha elogiato la risposta dei paesi asiatici come la Corea del Sud, sottolineando che hanno raggiunto tassi di infezione relativamente bassi grazie al fatto che la loro popolazione è “completamente impegnata” in “comportamenti che ostacolano” lo sviluppo del virus.

Sottolinea che l’Asia non ha allentato prematuramente le sue restrizioni e raccomanda di fare lo stesso in Europa. “Deve aspettare fino a quando il numero di casi è basso e rimane basso. La reazione dell’Europa è stata incompleta”.

L’Europa ha visto in precedenza un breve calo dei tassi di infezione, che ora sono di nuovo in aumento. Questo sabato, la Germania e la Francia hanno sommato 33.000 nuovi casi, mentre la Svizzera e l’Austria ne hanno contate migliaia al giorno.

L’OMS ha recentemente avvertito che il continente europeo è uno dei principali centri della pandemia e ha avvertito che le sue nazioni hanno presentato un aumento del 18% dei decessi nelle ultime due settimane.