Possiamo uscire da Matrix, parola di Hacker

Uno degli hacker più conosciuti al mondo ha fatto dichiarazioni sorprendenti riguardo alla “Matrix in cui viviamo” e afferma di sapere come uscirne. Per molti, il mondo in cui viviamo è una simulazione. Non importa se pensiamo che sia informatizzato, filosofico o imposto. Viviamo in Matrix. La stessa convinzione è sostenuta da George Hotz, uno degli hacker più prestigiosi al mondo e sviluppatore di auto a guida autonoma. Tuttavia, a differenza di altri, afferma di sapere come uscirne.

L’hacker che sa “Come uscire da Matrix”

Per Hotz, non ci sono prove che non viviamo in una simulazione. Così lo ha fatto sapere alla conferenza tecnologica di Austin SXSW.

“È facile immaginare cose molto più intelligenti di te e che potrebbero costruire una gabbia che non riconosceresti nemmeno”.

La teoria della simulazione ha molti sostenitori oggi. Tra questi c’è il CEO di Tesla Elon Musk, che sostanzialmente afferma che esistiamo tutti in una sorta di gioco avanzato, simile a “The Sims”. Tuttavia, la mancanza di prove per una simulazione non è la stessa della prova che non esiste. Ma nemmeno può servire come prova che sia reale.

Di conseguenza, l’hacker ha riflettuto sulla possibilità di formare una religione dedicata a liberare le persone da Matrix. Non importa come continuiamo ad esistere come esseri “simulati”.

Uscire dalla simulazione

“Sto pensando di fondare una chiesa. Ci sono molti problemi strutturali con le aziende capitaliste. Penso che le chiese potrebbero essere molto più allineate con questi obiettivi e l’obiettivo della chiesa sarebbe riallineare gli sforzi della società per uscire dalla simulazione“.

Una chiesa intorno alla simulazione

L’uomo d’affari di 32 anni è diventato famoso da adolescente diventando il primo hacker a sbloccare completamente un iPhone di prima generazione.

Nel 2015 ha fondato la startup Comma.ai, che mira a democratizzare l’accesso al software per la guida autonoma. Qualcosa che si lega alla convinzione di Hotz che l’attuale direzione dell’industria autonoma sia una truffa.

Durante la spiegazione, un membro del pubblico ha chiesto a Hotz se considera l’idea di associarsi con i transumanisti. Persone che credono nell’eventuale evoluzione dell’essere umano attraverso la fusione del corpo e della mente con la robotica e l’intelligenza artificiale e se così fosse fondano la loro chiesa.

Tuttavia, l’hacker ha mostrato due posizioni diverse su questa idea. Pertanto, è necessario attendere come si evolvono i suoi discorsi e conferenze per i futuri credenti che viviamo in una Matrix.

Non è la prima volta che un guru della tecnologia suggerisce che viviamo in Matrix e questa teoria prende sempre più seguaci in tutto il mondo. Allora la domanda finale potrebbe essere: è possibile che abbiano ragione o è solo un’altra teoria del complotto?