Ondata di partite rinviate in Premier League a causa del Covid-19.

Il numero di partite di Premier League rinviate a causa del Coronavirus Covid-19, è aumentato notevolmente questo giovedì con l’annuncio di sei rinvii. Annunciato prima il rinvio di Leicester-Tottenham di giovedì e poi quello di Manchester United-Brighton che si sarebbe dovuto giocare sabato. Successivamente è stata la volta di altre quattro partite, compreso il rinvio di un’altra partita del Leicester, quella in programma domenica contro l’Everton. Le altre tre partite rinviate questo giovedì e che dovrebbero essere giocate questo fine settimana sono Brentford-Southampton, Watford-Crystal Palace e West Ham-Norwich.

“Il Leicester City può confermare che la dirigenza della Premier League ha deciso di posticipare la partita di questo giovedì contro il Tottenham” appartenente alla 17esima giornata di Premier League, ha affermato l’ente in una nota, prima di apprendere che il prossimo match, quello contro l’Everton, sarebbe stato rinviato.

“Il club non ha più abbastanza giocatori qualificati in prima squadra per giocare”, hanno spiegato i Foxes, la cui richiesta di rinvio contro il Tottenham era stata respinta il giorno prima. Il Leicester ha anche annunciato la chiusura del suo centro di allenamento per 48 ore “per aiutare a fermare il contagio”.

Poco dopo, l’organo di governo del calcio inglese ha rinviato lo scontro tra Manchester United e Brighton, relativo al 18° turno di campionato. Lo United “continua a subire un’epidemia di casi di Covid-19 nella sua rosa che non gli consente di schierare una squadra per la partita in programma all’Old Trafford”, ha spiegato l’organizzatore del campionato. La partita dei Red Devils contro il Brentford di martedì era già stata rinviata, ma “ulteriori test positivi sono stati confermati oggi”, ha aggiunto la Premier League.

In totale, 9 partite del campionato inglese sono state rinviate al momento per motivi di salute, tra cui Tottenham-Brighton domenica scorsa e Burnley-Watford, anch’esse ritardate lo scorso fine settimana di due ore prima del calcio d’inizio.

Record di contagi Covid in Gran Gretagna

Il Regno Unito sta vivendo un’altra ripresa a causa della diffusione della nuova variante del coronavirus, battezzata omicron, con 78.610 casi segnalati mercoledì. L’allenatore del Leicester si è lamentato della mancanza di supporto da parte della Premier League dopo aver riferito di avere nove giocatori assenti per covid, altre malattie o infortuni.

“Abbiamo sempre cercato di sostenere le misure (per combattere il covid), ma quando abbiamo avuto bisogno di un piccolo supporto nella situazione estrema in cui ci troviamo, non abbiamo potuto riceverlo”, ha lamentato Rodgers. Poi erano nove i giocatori in totale,positivi al coronavirus, malati o infortunati, ma sono stati individuati nuovi casi di covid, senza che si sappia il numero esatto.

Rodgers non ha fornito il numero di positivi e non ha rivelato il numero di giocatori interessati. Giovedì, l’allenatore danese del Brentford Thomas Frank ha chiesto di estendere la misura a tutte le partite della partita di Premier League di questo fine settimana.

“Il numero di casi di covid si propaga in tutti i club. Il mondo intero sta affrontando che (…) rinviando questa giornata e (i quarti di finale) Coppa di Lega (il prossimo martedì e mercoledì) darei a tutti almeno una settimana o quattro o cinque giorni per disinfettare” i campi di allenamento, ha detto l’allenatore scandinavo. “Ciò consentirebbe di spezzare la catena (del contagio) in tutti i club”, ha insistito Frank, la cui squadra non dovrà giocare sabato contro il Southampton quando il duello sarà finalmente rinviato questo giovedì.

Nel frattempo, altri quattro giocatori del Real Madrid, tra cui Gareth Bale, sono risultati positivi al covid-19 questo giovedì, insieme a Marcelo e Luka Modric, il cui contagio era stato reso noto il giorno prima dalla squadra bianca.