Mescolare AstraZeneca con Pfizer intensifica gli effetti collaterali del vaccino COVID

Un team di scienziati guidato dall’Università di Oxford (Regno Unito) ha stabilito che la combinazione dei vaccini anti-Covid Pfizer e AstraZeneca durante l’inoculazione a due stadi può intensificare le reazioni avverse, sebbene tra i partecipanti allo studio questi effetti negativi non fossero gravi e potrebbero essere mitigati con il paracetamolo.

Nell’ambito dello studio, pubblicato sulla rivista The Lancet, i ricercatori hanno esaminato come il corpo reagisce alla vaccinazione contro il coronavirus se vengono iniettati diversi vaccini – una pratica lanciata in alcuni paesi, a seguito delle preoccupazioni sulla trombosi dopo il vaccino AstraZeneca – e si sono concentrati su due programmi: quando con un intervallo di quattro settimane è stato iniettato prima il farmaco Pfizer e poi il farmaco AstraZeneca come seconda dose e viceversa.

Vaccini Pfizer e Moderna possono causare trombosi, peggiori che AstraZeneca

Dopo la seconda dose di “richiamo” iniettata in questi programmi “misti”, i vaccinati tendevano a sviluppare effetti avversi più pronunciati e più frequenti, rispetto ai programmi standard, in cui le due dosi dello stesso vaccino.

Pertanto, sono stati registrati più casi di febbre, brividi, affaticamento, mal di testa, dolori muscolari e articolari e malessere generale, ed è stato consigliato di assumere paracetamolo per mitigare questi sintomi, che, nella maggior parte dei casi, si sono manifestati durante le 48 ore successive

all’inoculazione.

Mamme che consumano Paracetamolo durante la Gravidanza possono avere Bambini con ADHD

I ricercatori hanno sottolineato che gli effetti collaterali erano lievi o moderati e non hanno richiesto il ricovero in nessuno dei casi. Hanno partecipato allo studio solo chi ha più di 50 anni, quindi si teme che nelle fasce di età più giovani questi effetti possano essere più acuti.

L’autore principale dello studio, Matthew Snape, professore associato di pediatria e vaccinazione presso l’Università di Oxford, ha osservato che mentre questa è “una parte minore della ricerca”, i risultati ottenuti possono essere utilizzati per pianificare l’immunizzazione dei lavoratori. essi “suggeriscono che programmi a dosi miste potrebbero portare ad un aumento delle assenze dal lavoro il giorno dopo l’immunizzazione”.

“È importante notare che non ci sono problemi di sicurezza o allarmi, e che questo non ci dice se la risposta immunitaria sarà influenzata”, ha aggiunto Snape, notando che stanno attualmente cercando di valutare, nello studio in corso, se l’uso tempestivo del paracetamolo riduce la frequenza di tali reazioni.