Mamme che consumano Paracetamolo durante la Gravidanza possono avere Bambini con ADHD.

Uno studio su 12 mila mamme ha dimostrato che l’assunzione di paracetamolo durante la gravidanza è statisticamente associata ad un aumentato rischio di disturbo da iperattività e deficit di attenzione nei bambini (ADHD). L’effetto più forte è stato nei bambini dai tre ai sette anni, ma è scomparso nell’adolescenza. I risultati dello studio sono stati pubblicati su Pediatric and Perinatal Epidemiology (Epidemiologia pediatrica e perinatale).

Il paracetamolo è un antidolorifico che non è controindicato durante la gravidanza. Ma nella letteratura scientifica ci sono informazioni sulla relazione tra l’assunzione di paracetamolo durante la gravidanza e un aumentato rischio di sviluppare asma e disturbo da deficit di attenzione e iperattività. Allo stesso tempo, gli effetti dannosi del paracetamolo, se presenti, non sono facili da rilevare perché possono essere scarsamente visibili e apparire solo nel tempo.

Un database di grandi dimensioni.

Jean Golding e i suoi colleghi dell’Università di Bristol hanno utilizzato i dati dell’Avon Longitudinal Study of Parents and Children (ALSPAC), studio iniziato nel 1991, per raccogliere informazioni sulla salute delle mamme e dei loro figli.

Le donne incinte a quel tempo compilarono questionari, in cui c’era anche una domanda sui farmaci che stavano assumendo durante la gravidanza. In totale, 12025 donne hanno completato il questionario e hanno risposto alla domanda sull’assunzione di paracetamolo, di cui il 44% ha assunto questo medicinale.

Gli autori dell’articolo hanno analizzato i dati di queste donne e dei loro bambini alla ricerca di collegamenti tra l’uso del paracetamolo e lo stato di salute dei bambini. Tra le informazioni raccolte ci sono test fisiologici e psichiatrici, nonché abilità cognitive. In totale, gli scienziati hanno analizzato 135 indicatori.

Mamme che consumano Paracetamolo durante la Gravidanza possono avere Bambini con ADHD.

Si è scoperto che, di 135 parametri, 12 erano statisticamente associati al consumo di paracetamolo (che erano segni di iperattività o deficit di attenzione). I disturbi da iperattività e il deficit di attenzione sono stati particolarmente pronunciati dopo che i bambini sono andati a scuola, come dimostrato dalle indagini degli insegnanti.

Allo stesso tempo, la correlazione era più debole nelle ragazze che nei ragazzi. Se il primo mostrava effetti fino a 7 anni, il secondo fino a 9 anni. All’età di 15 anni, non esisteva più un collegamento statistico tra paracetamolo e iperattività o deficit di attenzione.

Gli autori non hanno studiato le ragioni della relazione tra paracetamolo e iperattività. Non è noto se l’uso da parte della mamma del paracetamolo influenzi le prestazioni dei bambini più grandi e la salute degli adulti. Tuttavia, gli autori dello studio chiedono maggiore cautela durante l’assunzione di farmaci durante la gravidanza.