Marte è pieno di Vita Extraterrestre: chi l'ha detto?

Mentre il rover Perseverance sta viaggiando alla ricerca di segni di vita extraterrestre nel cratere Jezero di 3,7 miliardi di anni fa, la dottoressa Nathalie Cabrol, direttrice del Centro di Ricerca Carl Sagan presso il SETI Institute, sfida le ipotesi della comunità scientifica sulla possibilità della vita moderna sul pianeta rosso. La scienziata del SETI teorizza che non solo la vita potrebbe essere presente su Marte oggi, ma potrebbe anche essere molto più diffusa e accessibile di quanto si pensasse in precedenza .

Le sue scoperte si basano su anni di esplorazione dei primi analoghi di Marte in ambienti estremi negli altopiani cileni e sulle Ande, finanziati dall’Istituto di Astrobiologia della NASA. È essenziale, sostiene, considerare l’abitabilità microbica su Marte attraverso la lente di un continuum ambientale di 4 miliardi di anni piuttosto che attraverso istantanee ambientali congelate come facciamo di solito.

È anche fondamentale ricordare che, secondo tutti gli standard terrestri, Marte è diventato un ambiente estremo molto presto. In ambienti estremi, mentre l’acqua è una condizione essenziale, è tutt’altro che sufficiente. Ciò che conta di più, afferma la dottoressa Cabrol, è come fattori ambientali estremi come un’atmosfera sottile, radiazioni ultraviolette, salinità, aridità, fluttuazioni di temperatura e molti altri interagiscono tra loro, non solo l’acqua.

“Puoi camminare nello stesso paesaggio per chilometri e non trovare nulla”, spiega la scienziata Cabrol. “Quindi forse perché la pendenza cambia di una frazione di grado, la consistenza o la mineralogia del suolo è diversa perché c’è più protezione contro i raggi UV, improvvisamente la vita è qui […] Ciò che conta nei mondi estremi per trovare la vita è comprendere gli schemi che risultano da queste interazioni. Seguire l’acqua è buono. È meglio seguire gli schemi”.

Vita aliena su Marte

Questa interazione sblocca la distribuzione e l’abbondanza della vita in quei paesaggi. Ciò non lo rende necessariamente più facile da trovare, poiché gli ultimi porti per i microbi in ambienti estremi possono trovarsi su scala micro o nanometrica all’interno delle fessure dei cristalli.

Dobbiamo considerare l’approccio di Marte come una biosfera

Le osservazioni fatte su analoghi terrestri suggeriscono che queste interazioni espandono considerevolmente il potenziale territorio per la vita moderna su Marte e potrebbero portarlo più vicino alla superficie di quanto a lungo teorizzato. Se Marte ospita ancora la vita oggi, cosa che la dottoressa Cabrol crede di trovare, dobbiamo considerare l’approccio di Marte come una biosfera.

Prima della transizione di Noè, 3,7 o 3,5 miliardi di anni fa, fiumi, oceani, vento, tempeste di sabbia lo avrebbero portato in tutte le parti del pianeta. “È importante sottolineare che i meccanismi di dispersione esistono ancora oggi e collegano l’interno profondo al sottosuolo”. Ma una biosfera non può funzionare senza un motore. La direttrice del Carl Sagan Research Center propone che il motore per sostenere la vita moderna su Marte esista ancora, che abbia più di 4 miliardi di anni e che oggi sia andato perso di vista, sottoterra.

Le origini di Marte

Se ciò è corretto, queste osservazioni possono modificare la nostra definizione di ciò che chiamiamo “regioni speciali” per includere l’interazione di fattori ambientali estremi come elemento critico. Uno che potenzialmente espande la sua distribuzione in modo sostanziale e potrebbe farci ripensare a come affrontarli. Il problema qui è che non disponiamo ancora di dati ambientali globali su una scala e una risoluzione importanti per la comprensione dell’abitabilità microbica moderna su Marte.

Poiché l’esplorazione umana ci dà una scadenza per recuperare campioni incontaminati, Cabrol suggerisce opzioni per quanto riguarda la ricerca della vita esistente. Compresi i tipi di missioni che potrebbero soddisfare obiettivi critici per l’astrobiologia, l’esplorazione umana e la protezione planetaria. E se è così, e la vita è presente sul pianeta rosso, molte delle immagini della NASA che mostrano strane creature potrebbero essere reali.

Quindi, i coloni marziani saranno costretti a fare i conti con esseri extraterrestri, che potrebbero essersi evoluti nelle caverne… Solamente il tempo ci dirà la verità sel Pianeta Marte.

Nüwa, una città su Marte | Presentazione – The Sustainable Offworld Network