Fotografie Curiosity da Marte per trovare prove di Vita Aliena.

Le immagini del cratere Gale di Marte, prese dal rover Curiosity, potrebbero rivelare il luogo perfetto per trovare prove della vita passata sul pianeta rosso. Christopher House, direttore di uno dei consorzi del programma Space Grant della NASA, ritiene che il sito sia stato in grado di vivere 3,5 miliardi di anni fa, secondo una recente dichiarazione dell’Università della Pennsylvania.

Simulazione del lago nel cratere Gale de Marte / NASA / JPL-Caltech / ESA / DLR / FU Berlin / MSSS.

“Il cratere Gale sembra essere stato l’ambiente di un lago“, ha detto House, osservando che la missione spaziale ha trovato molta pietra fangosa finemente stratificata sul posto. Pertanto, “l’acqua sarebbe persistita per un milione o più anni”, ha aggiunto.

Immagine di strane trame nel cratere Gale de Mars / NASA / JPL-Caltech / Università dell'Arizona.

Il professore di geoscienze ha spiegato che il lago era pieno di sedimenti e trasformato in pietra che è stata successivamente erosa. Questo processo si sarebbe verificato anche con le dune di sabbia che si sono formate in seguito sul sito.

Tuttavia, il ricercatore aggiunge che l’intero sistema, comprese le acque sotterranee che attraversavano l’area, è durato a lungo, forse 1 miliardo di anni o più.

Questa affermazione si basa sulla scoperta di fratture piene di solfati che indicano che l’acqua scorreva attraverso le rocce molto tempo dopo che i laghi non si erano più formati sul pianeta.

Immagine catturata dal robot Curiosity su Marte, il 27 luglio 2019 / NASA / JPL-Caltech / MSSS.

A queste ipotesi si aggiunge la presenza di altri minerali solforosi, come la pirite, che indicherebbero che le condizioni ambientali avrebbero potuto essere vive in passato. Secondo House, questa è l’epoca d’oro della scienza planetaria, in cui ogni giorno appare qualcosa di completamente nuovo.

Curiosity è il più grande robot atterrato su un altro pianeta e utilizza 17 telecamere. È stato lanciato nel novembre 2011 e ha raggiunto Marte nell’agosto 2012. Il rover è atterrato nel cratere Gale, la cui struttura è speciale perché ha un’alta montagna nel mezzo con molti strati di roccia che permettono di studiare la storia dell’acqua sul pianeta rosso.