Dopo il lavoro a distanza, lavoratori trasformati in "computer umani"

Joe Liemandt, fondatore dell’investitore specializzato in società di software ESW Capital, intende sottoporre i compiti dei suoi lavoratori a un certo algoritmo e creare così l’equivalente di una catena di montaggio per l’era digitale. In una lettera elettronica inviata ai dirigenti dell’azienda a marzo e citata da Forbes lo scorso martedì, l’uomo d’affari ha affermato che “la maggior parte dei lavori sono pensati male e progettati male”, quindi non sono altro che “un miscuglio di competenze e attività”. Per migliorare le prestazioni, ha chiesto ai manager di creare più unità di lavoro che si occupano di compiti piccoli e ripetitivi. L’obiettivo finale della misura è trasformare i lavoratori in “algoritmi” e “processori umani o CPU”, afferma la rivista citando i manager dell’azienda.

Valutata a circa 3 miliardi di dollari, ESW Capital è stata una delle prime aziende ad assumere massicciamente lavoratori a distanza, per lo più da paesi poveri, per ridurre al minimo i costi. Attualmente impiega circa 2.500 persone che vengono pagate a ore, con stipendi di $ 15 l’ora per ingegneri informatici di livello base. Oltre a non avere benefici o tutele occupazionali a tempo pieno, sono costretti a lavorare sui propri computer e con “software” specializzati che spia le loro azioni e scatta screenshot e foto dalla webcam.