Kobe Bryant: Cristiano Ronaldo e Luis Figo pubblicano stesso messaggio di cordoglio su Twitter.

Dopo la morte della leggenda del basket Kobe Bryant in un incidente in elicottero questo 26 gennaio, i calciatori portoghesi Cristiano Ronaldo e Luis Figo hanno espresso le loro condoglianze. Tuttavia, lo hanno fatto pubblicando un messaggio identico sui rispettivi account Twitter.

“È molto triste ascoltare la straziante notizia della morte di Kobe e di sua figlia Gianna. Kobe è stata una vera leggenda e fonte d’ispirazione per molti. Mando le mie condoglianze alla sua famiglia, ai suoi amici e alle famiglie di tutti coloro che hanno perso la vita nell’incidente. RIP leggenda 💔“, ha pubblicato CR7 Cristiano Ronaldo sul social network dopo aver sentito la notizia dell’incidente.

Il messaggio di cordoglio di Cristiano Ronaldo relativo alla morte di Kobe Bryant [Twitter].

Circa tre ore dopo, le stesse parole sono apparse sulla pagina Twitter di Figo, insieme a una sua foto accompagnata dal leggendario ex giocatore dei Los Angeles Lakers.

Il messaggio di cordoglio di Luis Figo relativo alla morte di Kobe Bryant [Twitter].

Situazione di plagio con copia/incolla?

Gli utenti della rete hanno reagito alla coincidenza con le critiche all’ex centrocampista del Real Madrid e ora attaccante della Juventus, accusando il suo connazionale di plagio. “Cristiano ha ispirato Figo; gli ha appena dato copia e incolla, gli ha salvato la fatica e voilà”, ha scritto un utente di Internet.

Altri sostengono che lo sfortunato incidente avrebbe potuto essere il risultato di una cattiva gestione della persona responsabile dei social network di Figo, mentre sono state fatte speculazioni tra coloro che hanno commentato che entrambe le celebrità del calcio potrebbero condividere lo stesso “community manager“. In ogni caso, non si sa se in realtà fosse l’attaccante della Juventus – che ha parlato per primo – l’autore della pubblicazione.

I fatti sulla morte di Kobe Bryant

  • Kobe Bryant è morto domenica mattina a 41 anni quando si è schiantato sul suo elicottero privato a Calabasas (California, USA). Sua figlia, Gianna Maria Onore – 13 anni – e altre 7 persone, incluso il pilota, stavano viaggiando sull’elicottero. Tutti gli occupanti sono morti.
  • Le condizioni che hanno causato questo tragico evento sono sotto investigazione. Sebbene le autorità non abbiano fornito molti dettagli, al momento tutto indica “cattive condizioni meteorologiche” come causa della tragedia.
  • Bryant, soprannominato “The Black Mamba“, era uno dei giocatori più importanti nella storia del basket e veniva spesso confrontato con il leggendario Michael Jordan. Dopo essere stato selezionato nel 1996, ha giocato per 20 anni nei Los Angeles Lakers, una squadra con la quale ha vinto cinque anelli NBA prima di ritirarsi a 38 anni.
  • Con il team USA ha vinto due medaglie d’oro ai Giochi Olimpici: di Pechino nel 2008 e di Londra nel 2012. Quest’anno, il leggendario ex sportivo doveva essere incluso nella Hall of Fame del Basket.