Come si formano le Galassie X, mistero risolto.

Uno degli enigmi sull’evoluzione di un tipo di galassia, quella che ha un aspetto a “X“, è stato finalmente risolto dall’Osservatorio Radioastronomico del Sudafrica (SARAO).

Alcune galassie molto più attive della nostra Via Lattea hanno giganteschi getti gemelli di onde radio, che si muovono in direzioni opposte, originando da un enorme buco nero al centro di una data costellazione. Tuttavia, alcune galassie sono più complesse e sembrano avere quattro getti che formano una “X”.

È il caso della costellazione nota come “PKS 2014-55“, situata a 800 milioni di anni luce dalla Terra. Grazie alle nuove immagini ottenute dal telescopio SARAO MeerKAT, un team di astronomi provenienti dal Sud Africa e dagli Stati Uniti, ha determinato che la forma di questa galassia è più simile a un “doppio boomerang“.

L’origine della formazione

Esistono diverse teorie sulla formazione di queste “X”, ad esempio, secondo cui sono dovute a cambiamenti nella rotazione

del buco nero nel centro della galassia o come conseguenza dell’interazione di due buchi neri.

Ma gli autori del nuovo studio, che è stato accettato per la pubblicazione nelle comunicazioni mensili della Royal Astronomical Society, affermano che l’apparizione di PKS 2014-55 deriva dal rientro di due getti di onde radio che si discostano da diversi direzioni, formando una specie di braccia che si estendono ciascuna nello spazio per 2,5 milioni di anni luce.

Gli astronomi del SARAO: “Questi getti sono invertiti dalla pressione del gas intergalattico. Mentre fluiscono nella galassia centrale, vengono deviati da una pressione del gas relativamente elevata verso i bracci orizzontali più corti del boomerang”.