I dipendenti di Google non torneranno a lavorare in Ufficio almeno fino al luglio 2021.

Google estenderà il telelavoro almeno fino al luglio 2021 per i suoi quasi 200.000 dipendenti. Lo ha affermato ieri il Wall Street Journal (WSJ), citando fonti che hanno familiarità con la questione. Sundar Pichai, amministratore delegato di Alphabet, che è il genitore del colosso della tecnologia, ha preso la decisione la scorsa settimana, dopo l’incontro con un gruppo interno di alti dirigenti che presiede. Successivamente un numero limitato di dipendenti di Google è stato informato di questa risoluzione, che potrebbe essere annunciata ufficialmente nei prossimi giorni.

Con questa nuova misura, la società potrebbe diventare la prima grande società americana che, nel contesto della nuova pandemia di coronavirus, ha formalizzato un programma di lavoro remoto così esteso.

Fino ad ora, era previsto che i suoi dipendenti sarebbero tornati in ufficio dal prossimo gennaio, un periodo che altri giganti come Amazon, Apple e Facebook sono attualmente programmati per fare.

Nel frattempo, l’incertezza causata dalla nuova realtà a causa della pandemia ha sconvolto il mercato immobiliare nella Bay Area di San Francisco e altrove, poiché i dipendenti delle grandi aziende cercano alternative al di fuori delle costose aree metropolitane, dove i principali datori di lavoro hanno solitamente la loro sede.

La recente decisione di Google dovrebbe applicarsi ai dipendenti nella maggior parte delle sue principali località in tutto il mondo, inclusa la sede di Mountain View in California. Allo stesso tempo, il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, ha affermato che spera che nel prossimo decennio metà dei dipendenti del social network lavorerà da casa, mentre Twitter ha permesso ai suoi dipendenti di praticare il telelavoro “ogni volta che” lo desiderano.