Criptoutopia senza regolamentazione su un'isola del Pacifico: investimento del futuro?

Un ex investitore immobiliare britannico ha creato una cripto-utopia senza regolamentazione su un’isola del Pacifico meridionale e sta cercando di convincere più di 20.000 investitori di criptovalute a trasferirsi con lui. Negli ultimi 12 anni, Anthony Welch e la sua compagna Theresa hanno vissuto da soli su un’isola nell’arcipelago delle Vanuatu. Secondo i suoi piani, l’isola sarebbe passata dall’essere una foresta pluviale indisturbata al 90% a una “città intelligente sostenibile”, piena di condomini a più piani e uffici per investitori di criptovaluta di tutto il mondo.

Cripto capitale mondiale con democrazia basata sulla blockchain

Welch, che ha cambiato il nome nativo dell’isola Lataro in Satoshi, dopo che Satoshi Nakamoto, lo pseudonimo della persona che ha inventato il bitcoin, ha unito le forze con i principali investitori di criptovalute per creare “la cripto capitale mondiale”, basata su una “democrazia basata sulla blockchain”.

Il progetto Satoshi Island è l’ultimo di una serie di piani volti a portare i fan delle criptovalute nel mondo reale dei piccoli stati insulari. I piani per creare Cryptoland su un’isola delle Fiji, dove agli investitori è stato detto che avrebbero “goduto uno stile di vita crittografico di livello mondiale”, sono andati in pezzi all’inizio di questo mese quando gli sviluppatori non sono riusciti ad acquistare l’isola.

Società di criptovalute nel Pacifico

Welch afferma che l’isola di Satoshi riuscirà dove Cryptoland ha fallito perché lui e i suoi partner sono proprietari dell’isola e che i piani di sviluppo hanno il sostegno sia del governo di Vanuatu che della comunità locale.

Welch ha raccontato di essere stato avvicinato da un team di grandi promotori di criptovalute che stavano cercando un posto nel mondo per formare una “partnership di criptovalute” dopo aver visto la loro isola pubblicizzata in vendita per $ 12 milioni su un sito web di criptovalute.

Welch ha tolto l’isola dal mercato e ha stretto una partnership con l’architetto di Hong Kong James Law, l’imprenditore australiano di criptovalute Denys Troyak e Daniel Agius, direttore operativo del Vanuatu Investment Migration

Office.

L’associazione promette a 21.000 investitori che “Satoshi diventerà la casa di professionisti e appassionati di criptovalute, con l’obiettivo di essere considerata la capitale mondiale delle criptovalute“.

I candidati che desiderano vivere sull’isola riceveranno un token non fungibile (NFT) che garantirà loro la “cittadinanza dell’isola di Satoshi“. Tuttavia, dovranno anche ottenere la cittadinanza di Vanuatu, che costa $ 130.000 e consente di viaggiare senza visto con il “passaporto d’oro” in 129 paesi.