Henry Williams, un copywriter professionista, ha voluto testare le capacità creative del nuovo chatbot di intelligenza artificiale (AI) ChatGPT, il popolare strumento di generazione di testo che ha sollevato preoccupazioni in vari circoli educativi.

Come racconta in un articolo di opinione per il quotidiano The Guardian, dopo che Williams ha chiesto al programma di creare un testo su uno specifico argomento di “marketing“, è rimasto sorpreso. Nonostante la struttura della lettera fosse semplice e con un “tono disumano”, sintassi e grammatica erano “corrette”, ha spiegato. Ha dovuto armeggiare un po’ con il lavoro, ma nel complesso ha definito “impressionante” ciò che il chatbot aveva realizzato in pochi secondi.

“Il mio divertimento si è rapidamente trasformato in orrore: ChatGPT ha impiegato circa 30 secondi per creare un articolo gratuito per il quale mi erano stati addebitati £ 500 [poco più di $ 600]”, ha detto. “Sono abbastanza sicuro che l’intelligenza artificiale mi toglierà il lavoro“, confessa.

ChatGPT riduce costi e migliora risultati

Il “software” non è perfetto, ma mentre continua ad allenarsi migliorerà i suoi stili di scrittura ed espanderà le sue capacità. In base a questa premessa, l’editorialista ritiene che ChatGPT e altri analoghi diventeranno un’opzione sempre più allettante per molte aziende, quando si tratta di ridurre i costi e migliorare i propri risultati. Gli scrittori e gli editori continueranno ad essere necessari, ma in numero minore.

“Un essere umano chiederà all’IA di generare montagne di testo, e interverrà solo di nuovo per verificare i fatti, correggerli e approvarli”, dice.

Cambio del mercato del lavoro

Tuttavia, Williams non esclude il “pericolo” che tali tecnologie possano sopraffare le capacità umane e rendere le persone licenziate più velocemente di quanto un lavoratore possa migliorare o ridefinire i propri ruoli. “Ci sono molte persone che dovranno migliorare le proprie qualifiche, riqualificarsi o lasciare il mercato del lavoro“, aggiunge.

Il pericolo della mancanza di scopo

“Lontano dai robot tirannici e dalle batterie umane della fantascienza, il vero problema che potremmo dover affrontare è un’epidemia di mancanza di scopo. Anche quando non è associata alla privazione, la mancanza di scopo può contribuire alla depressione, all’ansia e alla dipendenza”, avverte l’editore.