Decine di corpi (presunte vittime Covid-19) compaiono in India sulle rive del fiume Gange

DRAMMA IN INDIA – Gonfi e in decomposizione, galleggianti o bloccati sulle rive del fiume Gange, sempre più cadaveri di presunte vittime del Covid-19 sono apparsi da lunedì nella città di Chausa (stato del Bihar, India). Sono stati i residenti locali a lanciare l’allarme quando hanno visto i resti la mattina. L’amministrazione comunale ha precisato che i corpi sono più di 40, anche se, secondo altre fonti, si contano circa 100 corpi.

“Sono gonfi e sono stati in acqua da almeno cinque o sette giorni.

Ci stiamo sbarazzando dei corpi, ma dobbiamo indagare da dove provengono”, ha affermato un funzionario ai media. Le autorità ritengono che i cadaveri siano arrivati ​​galleggianti dallo stato dell’Uttar Pradesh e che appartengano a vittime mortali del coronavirus, i cui parenti non hanno potuto incenerirli o seppellirli per mancanza di spazio o di risorse.

La versione si basa anche sul fatto che nello stato del Bihar non esiste la tradizione di gettare i resti del defunto nel fiume. Nel frattempo, gli abitanti delle località adiacenti al sito del ritrovamento sono preoccupati per la decomposizione dei corpi e la conseguente contaminazione delle acque. “Le persone sono terrorizzate dal rischio di contrarre COVID. Dobbiamo seppellire i corpi. Un funzionario dell’amministrazione distrettuale è venuto e ha detto che avrebbe pagato 500 rupie (quasi sette dollari) per l’estrazione di ogni cadavere”, ha spiegato un abitante del villaggio.