Allarme Fauci: pericolosa Variante Delta Coronavirus diventerà dominante negli Stati Uniti.

Il capo epidemiologo statunitense Anthony Fauci, ha lanciato un grido di allarme ai suoi compatrioti: la pericolosa variante Delta del coronavirus, identificata per la prima volta in India, potrebbe diventare il ceppo dominante nel paese nordamericano, chiedendo di vaccinare più persone prima che ciò accada.

Il principale consigliere medico della Casa Bianca ha ricordato che nel Regno Unito “la variante Delta sta rapidamente emergendo come variante dominante”, rappresentando già oltre il 60% dei nuovi casi e sostituendo il ceppo B117 o Alpha, precedentemente conosciuta come “la variante britannica”. La trasmissione sta raggiungendo il picco nelle persone di età compresa tra 12 e 20 anni, ha osservato il controverso epidemiologo.

Sta “prendendo il controllo” del Regno Unito

La variante Delta sta “sostanzialmente prendendo il controllo” del Regno Unito, poiché la sua trasmissibilità “sembra essere superiore” rispetto al ceppo Alpha, ha spiegato Fauci, che è anche direttore dell’Istituto nazionale

statunitense per le allergie e le malattie infettive.

“Non possiamo permettere che ciò accada negli Stati Uniti”, ha avvertito Anthony Fauci, che ha usato come argomento “potente” per essere vaccinato la necessità di evitare questo scenario. Attualmente, la variante Delta rappresenta circa il 6% dei casi negli Stati Uniti che gli scienziati sono stati in grado di sequenziare, ha affermato Fauci, sebbene il numero effettivo sia probabilmente più alto.

  • Rilevata per la prima volta a ottobre, la variante Delta (variante India) si è già diffusa in almeno 62 paesi, ha riferito l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) la scorsa settimana.
  • Attualmente, almeno il 63% degli adulti di età pari o superiore a 18 anni negli Stati Uniti ha ricevuto almeno una dose di vaccino contro il COVID-19, secondo i Centers for Disease Control and Prevention. Il presidente del paese, Joe Biden, ha fissato l’obiettivo di raggiungere una soglia del 70% entro il 4 luglio.