Acque di Fukushima in mare, è scontro.

Aveva avvisato il mondo già nel 2019, adesso Giappone annuncia nuovamente che scaricherà in mare l’acqua contaminata e trattata da Fukushima. La decisione pone fine a sette anni di dibattito su come smaltire l’acqua piovana, gli strati sotterranei o le iniezioni necessarie per raffreddare i nuclei dei reattori nucleari che erano entrati in fusione a seguito dello tsunami dell’11 marzo 2011.

Il Giappone martedì ha ufficializzato la sua decisione di scaricare l’acqua contaminata dalla centrale nucleare di Fukushima danneggiata in mare dopo averla trattata per rimuovere la maggior parte degli elementi radioattivi, un processo che dovrebbe iniziare nel 2023.

Il primo ministro giapponese, Yoshihide Suga, ha definito il provvedimento “inevitabile” per lo smantellamento dell’impianto e ha sottolineato che si tratta dell’opzione “più realistica” tra le altre disponibili tecnicamente più complesse e meno praticabili per risolvere il problema di stoccaggio di queste acque.

La protesta di Cina, Corea del Sud e Greenpeace

Paesi vicini come Cina e Corea del Sud e associazioni ambientaliste come Greenpeace hanno espresso la loro preoccupazione per le implicazioni ambientali della fuoriuscita e hanno invitato Tokyo a riconsiderare la sua decisione, che non ha l’approvazione delle autorità locali.

La Cina ha definito il piano dannoso per la salute pubblica, accusando Tokyo di approccio “irresponsabile”. L’Oceano è “proprietà comune dell’umanità” e lo smaltimento “non è solo questione interna del Giappone”, accusa Pechino. “Comprensione” invece dagli Stati Uniti, sicuri della conformità agli standard internazionali.

il piano del Giappone di rilasciare più di un milione di tonnellate di acqua trattata dalla centrale atomica di Fukushima,danneggiata da sisma e tsunami del 2011, nell'Oceano Pacifico

Questa controversa misura, su cui il Giappone si delibera da anni, è principalmente finalizzata a risolvere il problema dell’accumulo di acqua radioattiva negli impianti di Fukushima Daiichi, una delle questioni più urgenti nel complesso processo di smantellamento dell’impianto danneggiato di conseguenza del disastro naturale dell’11 marzo 2011.

Più di 1,25 milioni di tonnellate di acqua trattata sono attualmente immagazzinate nelle vicinanze dell’impianto e la capacità per il suo stoccaggio dovrebbe esaurirsi nell’autunno del prossimo anno, secondo l’attuale velocità di generazione di questo liquido.

Quest’acqua, immagazzinata in enormi serbatoi, proviene dal raffreddamento dei nuclei dei reattori danneggiati, nonché da falde acquifere sotterranee, e dalla pioggia che filtra e finisce contaminata da isotopi radioattivi.

Il liquido viene trattato con un sistema di lavorazione che elimina la maggior parte dei materiali radioattivi considerati pericolosi, ad eccezione del trizio, un isotopo presente in natura, sebbene in bassa concentrazione.

Le autorità giapponesi sostengono che la fuoriuscita non genererà alcun rischio per la salute umana perché i livelli di trizio rilasciato in mare saranno inferiori agli standard sanitari nazionali (se miscelati con acqua di mare) e difendono che questa è una pratica comune nel settore da altri paesi.

Il primo ministro Suga ha detto che il suo governo “farà ogni sforzo” per chiarire la preoccupazione generata dalla fuoriuscita e ha dichiarato che il piano “è stato studiato da esperti per più di 6 anni” e ha l’approvazione dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica ( IAEA).

Diverse organizzazioni anti-nucleari hanno indetto manifestazioni per oggi davanti all’ufficio del primo ministro a Tokyo per protestare contro la decisione, mentre i pescatori di Fukushima hanno espresso la loro rabbia e frustrazione per il timore che anni di lavoro per ripristinare la loro reputazione e la loro attività sarebbero stati rovinati.

“Se (quell’acqua) viene scaricata in mare, più giovani non vedranno alcun futuro nel settore e la pesca a Fukushima diminuirà”, ha detto all’agenzia di stampa Kyodo Katsuo Watanabe, un pescatore 82enne di Iwaki.

Anche i paesi limitrofi e le organizzazioni ambientaliste non hanno tardato a reagire alla decisione del Giappone sulla fuoriuscita di Fukushima.

“L’oceano è una proprietà condivisa dell’umanità. Lo scarico delle acque reflue nucleari dalla centrale di Fukushima non è solo una questione nazionale (del Giappone) “, ha detto in un comunicato il ministero degli Affari esteri cinese, che ha promesso di monitorare la situazione e riservarsi “il diritto di dare altre risposte”.

La Corea del Sud, da parte sua, si è rammaricata della decisione e ha esortato il Giappone a essere trasparente sul trattamento dell’acqua prima di scartarla “per certificare la sicurezza della nostra popolazione e prevenire danni all’ambiente marino”, ha detto Koo Yoon-Cheol in una conferenza stampa, direttore dell’ufficio di coordinamento politico dell’esecutivo sudcoreano.

Questi paesi sono due dei quindici che continuano a imporre restrizioni all’importazione di prodotti fabbricati a Fukushima oggi sulla scia dell’incidente del 2011.

L’organizzazione ambientalista Greenpeace ha raccolto più di 183 mila firme in Giappone e Corea del Sud contro il provvedimento, e ha accusato il governo giapponese di trasformare le consultazioni pubbliche e le trattative con i pescatori locali “in una mera formalità”.

“La decisione di scaricare l’acqua contaminata nell’oceano lascerà grandi problemi per il futuro”, dato che alcuni degli isotopi radioattivi in ​​esso contenuti “hanno una vita utile di decine di migliaia di anni”, ha detto l’organizzazione in un comunicato.

Greenpeace ha definito la fuoriuscita “insostenibile” e ha esortato il Giappone a continuare a immagazzinarla mentre studia lo sviluppo di nuove tecnologie che consentano la totale eliminazione delle radiazioni.

Cosa è successo a Fukushima?

L’11 marzo 2011, un terremoto di magnitudo 9 ha colpito la costa nord-orientale del Giappone, provocando uno tsunami di 15 metri.

Mentre i sistemi di backup per prevenire un crollo della centrale nucleare di Fukushima sono sopravvissuti al terremoto iniziale, lo tsunami ha causato ulteriori danni.

Il peggior incidente nucleare dopo Chernobyl 1986

Quando i sistemi di raffreddamento si sono guastati nei giorni successivi, sono state rilasciate tonnellate di materiale radioattivo. Il crollo è stato il peggior incidente nucleare da Chernobyl nel 1986.

Circa 18500 persone sono morte o sono scomparse a causa del terremoto e dello tsunami, e più di 160 mila sono state costrette a lasciare le loro case.