Fukushima,in Oceano l'acqua contaminata.

La Tokyo Electric Company (TEPCO) prevede di versare acqua radioattiva dalla centrale nucleare di Fukushima nell’Oceano Pacifico perché sta esaurendo lo spazio nei serbatoi in cui è stato immagazzinato il liquido, come riferito martedì dal Ministro dell’Ambiente giapponese Yoshiaki Harada.

Dopo che la centrale nucleare ha subito le conseguenze del terremoto e dello tsunami nel 2011, TEPCO ha iniziato a immagazzinare più di un milione di tonnellate di acqua contaminata in serbatoi che erano stati utilizzati per raffreddare il combustibile nucleare. Questi depositi, secondo la compagnia, finiranno lo spazio entro il 2022.

“L’unica opzione sarà quella di versare l’acqua nel mare e diluirla”, ha detto il ministro dell’Ambiente giapponese in una conferenza stampa a Tokyo. “L’intero governo ne discuterà, ma vorrei offrire la mia semplice opinione”, ha detto. La decisione del governo sulla destinazione finale delle acque radioattive è in attesa di una relazione di un gruppo di esperti. Harada non ha specificato la quantità di acqua contaminata che verrà scaricata nel mare.

Giappone prevede di versare l'acqua radioattiva di Fukushima nell'Oceano.

Un’eventuale fuoriuscita di acqua contaminata nel mare provocherà probabilmente la rabbia dei paesi vicini come la Corea del Sud, che

ad agosto ha già convocato un diplomatico dell’Ambasciata giapponese per chiedere spiegazioni sui piani del governo giapponese con l’acqua radioattiva di Fukushima.

Le relazioni tra i due paesi non attraversano il loro momento migliore a causa delle differenze derivanti dalla decisione della giustizia sudcoreana di chiedere un risarcimento alla società giapponese per aver sottoposto i sudcoreani ai lavori forzati durante la seconda guerra mondiale.

Le centrali nucleari costiere versano spesso acqua contenente trizio nel mare, un isotopo di idrogeno che è difficile da separare ed è considerato relativamente innocuo. TEPCO, che ha l’opposizione dei pescatori della regione, ha riconosciuto nel 2018 che l’acqua nei suoi serbatoi contiene trizio e altri contaminanti.

La centrale fu gravemente danneggiata dal sisma e dal successivo tsunami del marzo 2011.