Vita su Marte: condizioni impossibili per l'essere umano.

Uno studio condotto dal US Southwest Research Institute Ha sviluppato un modello dell’atmosfera di Marte per prevedere dove, quando e per quanto, tempo le salamoie (acqua satura di sale) sono stabili in superficie e negli strati superficiali del sottosuolo.

Gli scienziati affermano che il pianeta rosso potrebbe avere acqua liquida su gran parte della superficie, ma per un tempo molto breve. “Abbiamo scoperto che la formazione di salamoia da alcuni sali può portare all’acqua liquida oltre il 40% della superficie, ma solo stagionalmente, durante il 2% dell’anno marziano”, ha spiegato il co-autore della ricerca Alejandro Soto.

Secondo la dichiarazione dell’istituto, a causa delle basse temperature su Marte e delle condizioni estremamente secche, una goccia di acqua liquida si congelerebbe, bollirebbe o evaporerebbe all’istante, a meno che la goccia non avesse sciolto i sali. Soto ha aggiunto che queste condizioni “impedirebbero la vita come la conosciamo”.

Il modello sviluppato ha mostrato che salamoie stabili possono formarsi e persistere in alcune parti del pianeta per un piccolo periodo dell’anno e fino a sei ore consecutive, una gamma più ampia di quanto si pensasse in precedenza. Tuttavia, le basse temperature non sarebbero sufficienti per sostenere la vita.

Infine, l’esperto ha osservato che i risultati dello studio “riducono in parte il rischio di esplorare il pianeta rosso e allo stesso tempo contribuiscono al lavoro futuro su possibili condizioni abitabili su Marte”.