9 anni dopo: Happy Face Crater su Marte è cambiato

La NASA rilevato i cambiamenti nel cratere della “Happy Face Crater” (faccia felice) sul pianeta Marte. I ricercatori hanno confrontato un’immagine del cratere dell’ottobre 2011 con una del 13 dicembre 2020 e riferiscono che la sua “bocca” si è ingrandita.

Gli esseri umani amano dare nomi alle formazioni nello spazio, come nel caso del famoso cratere Galle su Marte, noto in inglese come “Happy Face Crater” (cratere della faccia felice). Nonostante il suo nome poco serio, ha aiutato gli scienziati a monitorare le tendenze climatiche nel tempo sul pianeta rosso.

Il cratere, prodotto dell’impatto di un meteorite contro la superficie del pianeta, si trova nella regione del polo sud di Marte. Questo posto ghiacciato è diventato notevolmente più grande negli ultimi dieci anni.

Il Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) della NASA, in orbita attorno a Marte dal 2006, ha registrato per la prima volta la “faccia felice” nel 2011, utilizzando la sua potente fotocamera ad alta risoluzione (HiRISE). I ricercatori hanno confrontato quell’immagine con quella del 13 dicembre 2020.

La differenza è nella quantità di brina che copre il fondo del cratere.

“Le caratteristiche ‘sfocate’ della calotta polare sono dovute al fatto che il Sole sublima l’anidride carbonica in questi schemi rotondi”, ha scritto in una dichiarazione Ross Beyer, un membro del team di telecamere HiRise di MRO. “Potete vedere come nove anni di questa erosione termica abbiano allargato la ‘bocca’ del viso”.

Anche il naso della “faccia felice” è stato trasformato, da due cerchi diversi a un punto. Il Mars Reconnaissance Orbiter monitora i cambiamenti stagionali, ma questo tipo di osservazione per quasi un decennio di tempo “ci aiuta a comprendere le tendenze climatiche a lungo termine sul pianeta rosso”, ha detto Beyer.