PADOVA – Il video del bimbo di Padova mandato in onda in diretta dalla trasmissione televisiva “Chi l’ha visto“, continua ad essere al centro della cronaca di oggi, venerdì 12 ottobre 2012.

Mentre la zia materna e il nonno del bambino di 10 anni prelevato con forza l’altro giorno da una scuola di Cittadella (nel padovano in Veneto) per ordine del Tribunale dei Minori, sono stati segnalati alla magistratura dalla Questura di Padova, per le “ipotesi di oltraggio e inosservazione di un provvedimento dell’autorità giudiziaria“.

Assieme a questi membri della famiglia sembra esserci anche una terza persona, secondo fonti investigative riportate dai maggiori media nazionali.

Il dramma del bimbo di Padova è scoppiato a livello nazionale dopo la messa in onda in diretta delle immagini forti relative al momento del suo prelievo dalla scuola nella quale si trovava.

Intanto giunge la notizia che entro la fine del mese, la Commissione Giustizia della Camera, potrebbe dare il via libera per l’aula, alla proposta di legge che equipara in tutto i figli naturali a quelli legittimi, cioè nati all’interno del matrimonio; una proposta in calendario per il mese di novembre che, se venisse approvata senza modifiche, diventerebbe legge.