In vendita NFT del primo tweet della storia, offerti solo 280 dollari

Il ‘token’ (NFT) non fungibile del primo tweet pubblicato da Jack Dorsey, fondatore di Twitter, è andato in vendita la scorsa settimana per 48 milioni di dollari, in un’asta durata sette giorni, ma l’offerta più alta non è andata oltre i 280 dollari.

L’imprenditore di criptovalute Sina Estavi ha acquistato il primo tweet di Jack Dorsey come NFT un anno fa per $ 2,9 milioni. Ha pensato che fosse ora di far valere il suo investimento mentre il mercato è alto e sperava di ottenere almeno 50 milioni, di cui si è impegnato a donare il 50% in beneficenza. “Ho deciso di vendere questo NFT (il primo tweet al mondo) e di donare il 50% dei profitti (25 milioni o più) in beneficenza @GiveDirectly”, ha scritto sul suo account Twitter.

L’asta si è chiusa mercoledì 13 aprile, con sette offerte in totale che vanno da 0,0019 ETH (Ethereum) a 0,09 ETH, equivalenti a $ 280. Secondo le regole dell’asta, Estavi ha due giorni di tempo per accettare l’offerta prima che scada. Tuttavia, l’uomo d’affari di origine iraniana ha detto che prima di questa scadenza, se riceve “una buona offerta, potrebbe accettarla o non venderla mai”.

Gli utenti di Internet non hanno tardato a reagire alla situazione

In vendita NFT del primo tweet della storia, offerti solo 280 dollari

  • “In pratica ha scambiato l’equivalente di una villa in California con una ricevuta per lo screenshot di un tweet. E ora gli stanno offrendo $ 280 per questo”, ha scritto un utente.
  • “Spendere così tanto per una foto è ridicolo. Vai a fare qualcosa di utile con i tuoi soldi”, ha commentato un altro.
  • Nel frattempo, un utente ha messo in dubbio la validità della proprietà della pubblicazione di un’altra persona. “Le persone affermano di ‘possedere’ i tweet fatti da altre persone perché un particolare scambio NFT dice di farlo e poi li vendono per $ 50 milioni, sto parlando in modo accurato?” ha chiesto.