Fotogramma del 1947 "Autopsia Aliena" viene messo all'asta come NFT

Un’immagine vale più di mille parole, ma un singolo fotogramma di pellicola da 16 mm vale $ 1 milione? Questa è l’offerta di apertura per un fotogramma negativo del filmato in bianco e nero del 1947, che mostra presumibilmente un cadavere extraterrestre sul tavolo di un medico legale.

Il fotogramma proviene da una famigerata e poco plausibile “autopsia aliena” che si dice sia stata catturata su pellicola nel 1947, in seguito alle notizie di un incidente UFO a Roswell, nel New Mexico. La tradizione che circonda l’incidente ha affermato che la creatura creata per un film era a bordo dell’UFO ed è morta nello schianto. È stato poi sezionato in segreto dal governo degli Stati Uniti, si racconta, secondo una dichiarazione sull’asta.

E ora, un fotogramma del film dell’autopsia è all’asta come token non fungibile, o NFT, il che significa che il miglior offerente acquisirà una stringa di codice univoco che verifica l’autenticità del fotogramma del film. Il vincitore riceverà anche un effettivo fotogramma fisico del filmato dell’autopsia, secondo la quotazione dell’asta.

Nel filmato dell’autopsia, una figura umanoide senza vita giace su un tavolo; Una ferita aperta può essere vista sulla gamba destra. Ha un tronco e un ventre arrotondati, bulbosi, occhi scuri e una testa senza peli che è molto più grande del cranio umano medio. Figure vestite dalla testa ai piedi con tute protettive bianche circondano il ‘cadavere’ ed eseguono una dissezione metodica.

Da dove viene questo film?

Voci su un UFO a Roswell iniziarono a circolare nel 1947, dopo che un ufficiale delle informazioni pubbliche dell’esercito americano emise un comunicato stampa che descriveva un disco volante precipitato a Roswell che poi è entrato in possesso dell’esercito. Nel 1995, un documentario andato in onda su Fox Television con il titolo “Alien Autopsy: Fact or Fiction” ha presentato agli spettatori televisivi le riprese di questo presunto post-mortem dell’occupante extraterrestre dell’UFO.

Ray Santilli, un produttore record e cinematografico britannico, possedeva il filmato. Santilli ha detto di aver acquisito il film nel 1992 da un cameraman militare statunitense in pensione, durante una ricerca di filmati d’archivio per un documentario su Elvis Presley, secondo la dichiarazione dell’asta.

Sebbene Santilli sostenesse che il film fosse autentico, gli scettici non erano d’accordo. I loro sospetti sono stati apparentemente convalidati nel 2006, quando uno scultore e designer di effetti speciali di nome John Humphreys ha affermato che non solo aveva creato l’alieno nel filmato dell’autopsia, ma era anche apparso nel film come uno dei patologi.

Un altro partecipante autoidentificato nella bufala si è fatto avanti nel 2017. Il regista Spyros Melaris ha detto di aver girato il filmato nel suo appartamento di Londra, usando un modello pieno di organi di animali, come riportato dal sito di notizie australiano News Corp Australia Network.

Ma questa strana storia ha avuto un’altra svolta: nel 2019, un promemoria del 2001 è stato “trapelato” dal National Institute for Discovery Science (NIDS), un’organizzazione privata ormai defunta per la ricerca sul paranormale e sugli UFO. Presumibilmente scritto dal fisico della NIDS Eric Davis, il promemoria affermava che un ex scienziato della CIA di nome Kit Green ha valutato le prove dall’ “autopsia aliena dell’incidente di Roswell” e ha affermato che il filmato era reale.

Il promemoria riporta che Green ha stabilito che “il film/video di Alien Autopsy è reale, il cadavere alieno è reale“, sempre secondo The Sun.

Offerte per l’NFT del fotogramma dell’autopsia aliena

Con una storia così contorta, forse non sorprende che anche l’asta del film abbia vissuto una svolta inaspettata degli eventi. Il 27 maggio, a Rarible, un mercato online specializzato in NFT, erano in corso le offerte per l’NFT del fotogramma dell’autopsia, quando l’asta è stata deragliata da un attacco DDoS (Distributed Denial of Service), un’ondata di traffico Internet che travolge un sito. L’elenco è andato in crash pochi minuti prima della conclusione programmata. Un nuovo elenco è ora in vigore e le offerte continueranno fino al 30 maggio.