ozWaenT

Il giornalista Lee Fang ha pubblicato lunedì un nuovo articolo sugli Twitter Files, rivelando come l’industria farmaceutica abbia fatto pressioni sul social network per censurare i contenuti che richiedevano vaccini generici contro il covid-19.

Censurare gli attivisti

Il giornalista della rivista americana The Intercept ha precisato nella sua nota che la campagna includeva pressioni dirette da parte dell’azienda tedesca BioNTech, che insieme a Pfizer ha sviluppato il suo vaccino anti-covid. Secondo Lee Fang l’obiettivo era censurare gli attivisti che chiedevano la produzione di vaccini generici a basso costo.

Nel primo anno della pandemia, c’è stato un appello ad affrontare la crisi sanitaria in modo equo attraverso la cooperazione internazionale, lo scambio di nuove idee e tecnologie in questo settore. Tuttavia, i giganti farmaceutici hanno visto questa crisi come un’opportunità per realizzare profitti senza precedenti e hanno cercato, sempre secondo Lee, i lobbisti per sopprimere qualsiasi tentativo di condividere i brevetti sui nuovi preparati per il coronavirus, siano essi terapie o vaccini.

BioNTech ha contattato Twitter

In particolare, BioNTech ha contattato Twitter per chiedere di censurare direttamente gli utenti che pubblicano tweet chiedendo vaccini generici a basso costo, mentre un lobbista europeo ha chiesto di monitorare gli account di Pfizer,

AstraZeneca e ‘hashtag’ come #PeoplesVaccine. I rappresentanti della piattaforma si sono affrettati a rispondere alla richiesta, sostenuta anche dal governo tedesco, afferma Lee.

Allora, la Biotechnology Innovation Organization (BIO) – il gruppo di pressione che rappresenta i biofarmaci tra cui Moderna e Pfizer – si rivolse al neoeletto governo degli Stati Uniti, chiedendo che le autorità sanzionassero qualsiasi paese che suggerisse di creare tali farmaci o vaccini.

Come misura separata, BIO ha contribuito con $ 1.275.000 a una speciale campagna di moderazione dei contenuti chiamata Stronger e progettata dall’appaltatore Public Good Projects, che ha aiutato Twitter a stabilire standard di moderazione dei contenuti sulla disinformazione COVID-19.

Mettere a tacere le voci indesiderate

La campagna includeva email con elenchi di tweet da rimuovere e altri da verificare. Allo stesso tempo, Lee sottolinea che questa massiccia pressione per mettere a tacere le voci indesiderate non è mai stata applicata alle aziende farmaceutiche. Quando le aziende hanno esagerato i rischi di creare vaccini anti-COVID generici a basso costo, Stronger non ha reagito, implementando le nuove regole solo contro i critici del settore.