Trovano antichi muscoli di rettili nella "mano" di embrioni umani.

Quando eri piccolo delle dimensioni di un’unghia nel grembo di tua madre, le tue piccole braccia avevano molto più in comune con le gambe di antichi rettili di quanto tu possa immaginare.

Speciali tecniche di immunocolorazione, condotte dagli scienziati della Howard University di Washington e della Sorbonne University di Parigi, hanno rivelato nuovi atavismi umani, resti di anatomia che l’evoluzione non ha mai completamente abbandonato, che aiutano a spiegare come si sono evoluti i nostri corpi.

Il biologo evoluzionista dell’Università Howard, Rui Diogo, afferma: “In passato avevamo una migliore comprensione dello sviluppo precoce di pesci, rane, polli e topi rispetto alla nostra stessa specie. Ma queste nuove tecniche ci consentono di vedere lo sviluppo umano in modo molto più dettagliato”.

I muscoli degli arti che i nostri antenati dei mammiferi credevano di aver abbandonato 250 milioni di anni fa non sono mai completamente scomparsi. Nella maggior parte di noi, i muscoli si dissolvono molto prima della nascita, ma questi resti “rettiliani” sono ancora presenti in alcuni adulti.

Nel nuovo studio, scansionando i tessuti di oltre una dozzina di embrioni e giovani feti in 3D ad alta risoluzione per diverse settimane, il team di ricercatori ha trovato piccoli muscoli nelle mani e nei piedi di un bambino di 7 settimane che non erano più visibili per la settimana 13.

Sebbene non sia la prima volta che i ricercatori osservano attentamente l’andirivieni dei tessuti nei piccoli esseri umani, la maggior parte delle ricerche sui muscoli degli arti si è concentrata nelle prime settimane, senza cambiamenti cruciali.

Mentre i ricercatori osservavano, circa un terzo dei muscoli delle mani e dei piedi dell’embrione semplicemente appassiva mentre i giorni passavano o si fondevano con i loro vicini.

Fondamentalmente, il fatto che alcuni di essi esistano nella nostra vita è un po’ sorprendente. Si pensava che i muscoli chiamati dorsometacarpide fossero stati espulsi dal manuale di istruzioni dei mammiferi quando l’evoluzione stava ancora emergendo con i nostri prototipi circa 250 milioni di anni fa.

La registrazione dello studio dello sviluppo degli arti sfida anche l’assunto che le estremità inferiori siano più o meno copie delle nostre estremità superiori.

Mentre le due parti negli adulti hanno strutture dall’aspetto simile che lo fanno sembrare un lavoro di taglia e incolla, l’ordine di sviluppo dei gruppi muscolari chiave suggerisce che gli arti si sono assomigliati nel tempo.

L’evoluzione è in qualche modo divertente. La biologia è di solito un processo di prova ed errore, in cui cambiamenti casuali modificano le strutture per adattarsi potenzialmente alle nuove funzioni. I biologi evoluzionisti hanno il compito di separare il processo da questa modifica, spesso alla ricerca di strutture anatomiche da confrontare tra gli organismi moderni.

Trovare le deboli tracce dei muscoli antichi all’inizio del nostro sviluppo, aggiunge dettagli cruciali alla storia della nostra evoluzione.

Per aumentare la complessità, i ricercatori sottolineano che gli adulti con alcuni disturbi cromosomici non perdono questi muscoli, sia come una variazione apparentemente sana sia come conseguenza di una malformazione congenita.

“Questo rafforza l’idea che – afferma Diogo – sia le variazioni muscolari che le patologie possano essere correlate allo sviluppo embrionale ritardato o arrestato. In questo caso forse un ritardo o una diminuzione dell’apoptosi muscolare, e aiuta a spiegare perché questi muscoli si trovano occasionalmente negli adulti”.

“Fornisce un esempio affascinante e potente dell’evoluzione in gioco”. L’applicazione di tecnologie simili di colorazione e imaging ad altre fasi dello sviluppo umano, potrebbe rivelare altre strutture che da tempo si credeva mancanti dal nostro corpo.