Joker ispirato da Victor Hugo, l'uomo che ride.

I clown si nascondevano nell’ombra per migliaia di anni prima della comparsa del malvagio Pennywise (IT) di Stephen King. Gli egiziani li avevano, i greci li avevano, i romani li avevano. Ma qualcosa di interessante e rivelatore accadde nel diciassettesimo e diciottesimo secolo: dalla mano di Victor Hugo arrivò “l’uomo che ride” (titolo originale L’Homme qui rit).

L’ilarità di un personaggio.

Durante il Medioevo, il clown e il mostro della recita erano essenzialmente la stessa cosa. I giullari e gli sciocchi che intrattenevano le corti reali d’Europa erano soliti vestirsi con costumi e trucchi fantasiosi. Spesso deformati fisicamente in qualche modo, il che contribuiva alla “ilarità” del loro personaggio.

Dopodiché, i due iniziarono a separarsi, con il giocoso burlone con il vestito divertente e la vernice sul viso e la rarità umana dall’altro.

Il primo clown del circo moderno.

La divisione fu consolidata alla fine del 1700 quando Joseph Grimaldi, un artista molto popolare ai suoi tempi, ci regalò il primo clown del circo moderno come lo conosciamo oggi. Tuttavia, il romanziere francese Victor Hugo tornò a un punto poco prima di quella divisione di transizione nel suo romanzo del 1869, L’Homme Qui Rit, o L’uomo che ride.

Un momento di creatività.

A quel tempo, Hugo viveva in esilio sull’isola di Guernsey, in Francia, dopo che alcuni aristocratici francesi senza umorismo erano indignati dal modo in cui erano ritratti in un paio dei suoi romanzi precedenti, altamente politicizzati come I Miserabili e Il Gobbo di Notre Dame.

Condannato e senza molto da fare, Hugo si sedette e scrisse un altro oscuro melodramma politico su espedienti aristocratici, tradimento, omicidio, vendetta, corruzione e legittimi eredi lesi, con alcuni comuni cittadini di buon cuore e una dolce storia d’amore gettata in contrasto.

E anche se sarebbe diventato il romanzo meno popolare di Victor Hugo. All’inizio degli anni ’20, The Man Who Laughs o L’uomo che ride era già diventato un’opera teatrale e due film: il primo dalla Francia, il secondo dalla Germania.

Joker ispirato da Victor Hugo, l'uomo che ride.

Al cinema.

Nel 1924, osservando il folle successo dell’adattamento de Il Gobbo di Notre Dame di Hugo, i dirigenti della Universal pensarono che L’uomo che ride aveva tutte le caratteristiche di un altro veicolo elegante che li avrebbe portati al successo.

L’unico problema era che, in quel momento, non si erano mai presi la briga di ottenere i diritti sul libro.

Tre anni dopo, nel 1927, lo studio cinematografico alla fine recitò, ottenne i diritti sull’opera e, dato che Lon Chaney (Il fantasma dell’opera) non era disponibile, fu chiamato Paul Leni per dirigere e Conrad Veidt per interpretare Gwynplaine, il personaggio principale.

Lo stesso uomo che aveva disegnato i set Phantom è stato preso per potenziare l’espressionismo ancora di più in L’uomo che ride. Al nuovo capo del trucco Jack Pierce è stata data una lettera bianca per impazzire nel disegnare il trucco di Gwynplaine.

Sebbene il nucleo della trama di Hugo rimanga intatto (tranne per la fine). Ciò che conta è l’aspetto del film, le ombre profonde, gli angoli esagerati e sconcertanti, le scene e gli sfondi deliberatamente artificiali e la sordida atmosfera di carnevale.

Da parte sua, Conrad Veidt, meglio noto come Maggiore Strasser nel film Casablanca, offre uno spettacolo brillante e sottile, trascinando in superficie il dolore, la rabbia e il pathos di Gwynplaine per credere a quel sorriso congelato. No, non è un film horror, ma sembra sicuramente uno, ed è quello che al pubblico è rimasto impresso.

Sebbene sia stato completato nel 1927, The Man Who Laughs è stato presentato per la prima volta fino al 1928.

https://youtu.be/2KhzpkSDwHA