TERREMOTO OGGI INDIA – Una forte scossa di terremoto in tempo reale e’ occorsa oggi, mercoledi’ 21 maggio 2014, alle ore 18:21 italiane (ore 16:21:54 UTC del 21/05/2014), con un magnitudo M6,0 nel Golfo del Bengala, il golfo piu’ grande del mondo considerato un mare, un sisma sentito molto forte in India come hanno dichiarato molti testimoni.

Secondo quanto registrato dall’agenzia scientifica del Governo degli Stati Uniti, lo United States Geological Survey (USGS), la scossa di terremoto di oggi e’ stata individuata nel Golfo del Bengala con un ipocentro a 40 Km Km di profondità ed epicentro nelle coordinate geografiche 18,24°N 88,05°E (guarda l’epicentro nella mappa).

Testimoni della scossa di terremoto di oggi, hanno dichiarato che hanno sentito chiaramente la terra tremare sotto i loro piedi a Bhubaneshwa, citta’ localizzata in India a 326 Km a NordOvest dall’epicentro in mare. Terremoto sentito chiaramente anche a Cuttack (citta’ ubicata a 335 Km a NordOvest dall’epicentro), a Odisha (Orissa) distante 387 Km, a Srikakulam (439 Km di distanza a Ovest dall’epicentro), a Kolkata (481 Km a Nord) dove testimoni affermano che il sisma e’ durato una ventina di secondi, Visakhapatnam (515 Km a Ovest) dove alcune persone affermano di aver sentito l’evento sismico per piu’ di 5 secondi.

Terremoto Oggi India in tempo reale: Scossa Golfo del Bengala, No Tsunami

Terremoto sentito chiaramente anche a Purulia (590 Km NW) sempre in India, ma anche in Bangladesh nella citta’ di Chittagong (601 km NE) e in quella di Dhaka (664 km N).

Sempre in ordine di distanza, sentito a Bhagalpur in India (783 Km NW) ed a Nellore (958 km SW) dove si afferma che i terremoti erano due.

Pensate che il Terremoto del Golfo del Bengala di Oggi, e’ stato sentito anche a Chennai, in forma leggera, sempre in India, una citta’ distante ben 1010 Km a SudOvest dall’epicentro. L’onda sulla Terra di questo terremoto e’ arrivata poco dopo persino nella citta’ di Gurgaon in India, distante ben 1596 Km NW dall’epicentro.

Al momento, non giungono notizie riguardo danni a persone o cose, generate da questo terremoto di oggi, in attesa di ulteriori nuovi e ultimi aggiornamenti.