dimissioni agnelli cda juventus

Clamoroso in casa Juventus: Andrea Agnelli e Pavel Nedved compresi si dimettono, nei prossimi mesi verranno nominati i nuovi membri del Consiglio d’Amministrazione della società bianconera. Una riunione d’urgenza ed ecco la decisione finale: tutti gli appartententi al CdA consegneranno le proprie dimissioni al termine del vertice. Il Presidente Andrea Agnelli, il quale aveva partecipato ieri all’evento all’Allianz Stadium per sostenere il progetto della Juventus Next Gen, il vice Pavel Nedved e l’amministratore delegato Maurizio Arrivabene. A questi tre pilastri andranno a rinunciare anche Laurence Debroux, Massimo Della Ragione, Katryn Fink, Daniela Marilungo, Francesco Roncaglio, Giorgio Tacchia e Suzanne Keywood. A breve il comunicato ufficiale della società. Pensiamo che l’indagine Prisma, le accuse di falso in bilancio, le ultime contestazioni della Consob, senza dimenticare il falimmento del progetto SuperLega sono state tra le motivazioni principali che hanno mosso il direttivo Juve verso questa direzione.

Il comunicato ufficiale della Juventus

Al fine di rafforzare il management della Società, il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di conferire l’incarico di Direttore Generale al dott.

Maurizio Scanavino. Si allega al presente comunicato stampa il curriculum vitae del dott. Scanavino“.

Inoltre, i membri del Consiglio di Amministrazione, considerata la centralità e rilevanza delle questioni legali e tecnico-contabili pendenti, hanno ritenuto conforme al miglior interesse sociale raccomandare che Juventus si doti di un nuovo Consiglio di Amministrazione che affronti questi temi“.

A tal fine, su proposta del Presidente Andrea Agnelli e onde consentire che la decisione sul rinnovo del Consiglio sia rimessa nel più breve tempo possibile all’Assemblea degli Azionisti, tutti i componenti del Consiglio di Amministrazione presenti alla riunione hanno dichiarato di rinunciare all’incarico“.

Per le stesse ragioni, ciascuno dei tre amministratori titolari di deleghe (il Presidente Andrea Agnelli, il Vicepresidente Pavel Nedved e l’Amministratore Delegato Maurizio Arrivabene) ha ritenuto opportuno rimettere al Consiglio le deleghe agli stessi conferite. Il Consiglio ha, tuttavia, richiesto a Maurizio Arrivabene di mantenere la carica di Amministratore Delegato“.

In ragione di quanto precede, è venuta meno la maggioranza degli Amministratori in carica e, pertanto, ai sensi di legge e di statuto, il Consiglio di Amministrazione deve intendersi cessato“.