Telegram raggiunge il miliardo di download e supera WhatsApp

  • Telegram supera un marchio importante e si conferma una delle app di messaggistica istantanea più popolari del pianeta.

Il 2021 ha accolto gli utenti di WhatsApp con un momento piuttosto imbarazzante dopo il rilascio delle loro nuove politiche sulla privacy. Il che ha portato a una seria polemica che ha innescato l’esodo di molti utenti verso altre piattaforme.

L’app di messaggistica ha impiegato poco tempo per fare marcia indietro e sospendere i suoi piani di cambiamento. Ma era troppo tardi, gli utenti avevano già scoperto che c’erano più alternative, molto più complete e più sicure: Telegram.

Infatti, quell’app in soli tre giorni è riuscita ad accumulare 25 milioni di nuovi utenti grazie al movimento WhatsApp. Da allora sembra che questa tendenza non sia minimamente diminuita.

Telegram rompe un marchio importante

Secondo un rapporto della società Sensor Tower, la piattaforma di messaggistica Telegram ha appena superato il miliardo di download della sua applicazione mobile.

L’India sarebbe il mercato più importante per Telegram.

Poiché circa il 22% delle sue strutture si accumula lì nel corso della sua storia. Tuttavia, ci sono altri territori importanti:

  • L’India è seguita da Russia e Indonesia, che rappresentano rispettivamente circa il 10% e l’8% di tutte le installazioni.
  • Le installazioni di app hanno accelerato nel 2021, raggiungendo circa 214,7 milioni di installazioni nella prima metà del 2021, in crescita del 61% anno su anno rispetto ai 133 milioni della prima metà del 2020.

L’inizio del 2021 sarebbe stato il momento chiave per la crescita di Telegram con oltre 214 milioni di download. Spinto in gran parte dallo scivolone di WhatsApp.

La cosa interessante qui è che il tasso di popolarità dell’applicazione non sarebbe crollato e sarebbe cresciuto abbastanza durante il resto dei mesi per raggiungere questo nuovo traguardo.

Manca ancora la conferma ufficiale dall’app di messaggistica. Anche se sarebbe una questione di tempo per loro confermare, negare o dettagliare i dati dello studio esterno.