Super ciclone più potente mai registrato nel Golfo del Bengala minaccia India e Bangladesh

La tempesta Amphan, che si è formata questo mese nel Golfo del Bengala e si sta attualmente dirigendo verso le coste dell’India e del Bangladesh, è già diventata il superciclone più forte della storia della regione.

Secondo i dati del US Naval Research Laboratory, le raffiche di vento che accompagnano l’intenso fenomeno climatico hanno raggiunto lunedì velocità sostenute di 270 chilometri all’ora.

Attualmente, il ciclone ha perso parte della sua forza, scendendo a una velocità di 240 km/h, che equivale a un uragano atlantico di categoria 4 o un super tifone del Pacifico occidentale.

Il Golfo del Bengala è un mare a forma di triangolo nella zona nord-orientale dell’Oceano Indiano che confina a est con la penisola malese, a nord con il Bangladesh, a ovest con il subcontinente indiano e a sud con lo Sri Lanka.

Super ciclone più potente mai registrato nel Golfo del Bengala minaccia India e Bangladesh

Da quando sono stati conservati i record, Amphan è il secondo superciclone ad attraversare la regione dopo il ciclone Odisha, che ha distrutto quasi 15 mila città nel 1999, e uccidendo quasi 10 mila persone.

Si stima che Amphan raggiungerà la costa nelle prossime 36 ore, colpendo lo stato indiano del Bengala Occidentale – compresa la sua capitale, Calcutta, 14 milioni, e il Bangladesh.